Almamegretta: reggae, dub, folk

nun ce penza’ pienza a campa’
tutto chesto passa e se ne va
nun ce penza’ chi te ‘o ffa fa’
‘a vita te sfiora e se ne va                                                                                                                Almamegretta “Ore, minuti, secondi”

i’ songo l’ommo niro ca vene ‘a dint’ ‘a jungla
songo ‘o figlio ‘e lumumba si nun me saje
piglia’ songo ‘na bomba
e si nun saje ca è ‘a casa mia ca è accumminciata ‘a storia rinfriscate ‘a memoria
Almamegretta “Black Athena”

E sbatte ancora ‘o mare ‘ngoppo ‘a rena ‘e margellina
pure ‘a muntagna pare blu quanno se fa matina
Almamegretta “Margellina 70”

Le grandi città Italiane, stracariche di storia, fondate come Napoli dagli antichi Greci, si nascondono. Si nascondono anche quando si mostrano oscenamente nude. L’occhio straniero si posa eccitato ovunque, ma la profondità sfugge, resta solo la superficie epidermica. La lingua stessa di Napoli, quando è stretta si dà a chi non la conosce per frammenti, lasciando molto del dire incompreso. Mr Pian Piano coglie l’occasione al volo e mi fa sentire un vocale che ha sul cellulare, una voce femminile parla lentamente:

Terra, tu si’ ‘a luce e o’ scur’.

Tu si’ o’ ‘ddoc’ e o’ amar’.                                                                                                                               

Tu si’ ‘a speranza e si’ ‘a paura.                                                                                                                       

Tu si’ o’ riso e o’ turmient’.                                                                                                                             

Tu nun o’ può sape’ ch’ forza ca ce vo’ pe’ parti’ e t’ lassa’ arèt’. O forse o’ ‘ssai ‘bbuon’, cà te sient’ ch’ me guardi e rir’. 

Cosa? Terra, tu sei la luce e l’oscurità. Tu sei il dolce e l’amaro. Tu sei la speranza e la paura. Tu sei le risate e il tormento. Tu non puoi saperlo quanta forza ci vuole per partire e lasciarti indietro. O forse lo sai fin troppo bene, perché ti sento che mi guardi e ti metti a ridere..

La tenebra e la luce abbagliante affascinano, attirano e al contempo respingono. Napoli incarna questo con una potenza maestosa, dove la bellezza e l’orribile si intrecciano lasciando senza fiato, in una giostra che stordisce.

Gli Almamegretta sono tutto questo “non detto” e li portiamo con noi nel nostro festival di Sanremo dei sogni (sono passati anche dal festival vero anni fa…). Nessun altro gruppo in Italia può vantare bassi così corposi, dub e di questa potenza. Grandi produttori Inglesi come Ben Young e Adrian Sherwood son corsi in Italia per collaborare ai loro dischi, attirati da bassi profondi e da suoni che frullavano insieme dub, folclore napoletano, suoni mediterranei e chi più ne ha più ne metta. Una musica bastarda per eccelenza, come la mia cagnolina.

Mr Pian Piano esce dalla cucina, soddisfatto per l’assenza odierna di qualsiasi cane e mi suggerisce i temi essenziali nei testi dei nostri prodi: migranti ed esistenzialismo urbano. La luce e la tenebra in cui navigano i racconti di Raiz, capace di saltare dal dialetto all’Inglese con una voce che esplode rauca “alla Joe Cocker”, gravida di blues, aspra e scura. Napoli si nasconde, ma filtra autentica tra i suoni degli Almamegretta, nella sua cruda realtà ed in una bellezza magnifica. La loro musica è un acceleratore per andare oltre la superficie di quel che si vede. Un altro vocale esce dal cellulare del nostro cuoco sonoro, la stessa voce femminile di prima:

Siento l’uocchi tuoji ca’ m’ guardan’ ancora prim’ ‘e te vere’.

T’ sient’ ancora prim’ ca’ attacchi a parla’.

Aspietto sul’ o’ moment’ ‘ca iesci aret’ o’ mur’ p’ te sorride.

Come? “Sento i tuoi occhi che mi guardano ancor prima di vederti. Ti sento ancora prima che inizi a parlare. Aspetto solo il momento che tu compaia da dietro il muro per sorriderti.

La bravura degli Almamegretta viene notata anche oltremanica ed i Massive Attack (non dimentichiamo che Robert Del Naja ha origini napoletane) affidano un remix alla band ed invitano Raiz nei loro dischi e lo stesso accadrà con i Leftfield, così come ospiti di rilievo come il bassista Bill Laswell ed il chitarrista Eraldo Bernocchi od il vocalist Horace Andy compaiono nei loro dischi, solo per citarne alcuni. Il successone tormentone non arriverà mai. Nell’Italia del sole-ammore-cuore non c’è posto per visoni amare a tratti laceranti e suoni che pescano tra la Giamaica, il dub e il folk con venature blues e rock. Troppa complessità, troppa trasversalità tra generi, troppa intelligenza.

 

Apro il loro sito ufficiale e vedo Dj Rad seduto sull’orlo di una cascata come sfondo delle diverse pagine. Guarda in camera. Sono ormai 20 anni che è morto in un tragico incidente stradale, ma io e Mr Pian Piano abbiamo fatto in tempo a vederlo dal vivo con la band in dei live esplosivi, dove il loro suono bastardo si faceva favoloso e potente. Nelle band, dove le persone vivono a stretto contatto per anni, spesso in viaggio è una ferita a volte fatale. Con Dj Rad la band perde uno dei 4 pilastri. Seguono anni difficili.

Mr Pian Piano sussurra che la bellezza si nasconde, sfugge nel tempo e nello spazio, si dà in “un attimo di pura verità”. Allora evviva gli Almamegretta che dal 2013 hanno ritrovato Raiz alla voce. Cosa abbiamo tentato oggi? Dire e non dire, mai raccontare, ma suggerire, andare al di là della superficie, oltre gli scorci famosi o le brutture celebrate di una grande città, che se ha mai vissuto un “Rinascimento” è stato anche grazie agli Almamegretta cantori autentici di una Napoli contemporanea, dolente e meravigliosa, come le parole evocative della uscite dal cellulare di Mr Pian Piano. Chi le ha scritte? @lenuccia82 mi dice sorridendo Mr Pian Piano e se ne torna in cucina. Ne so come prima, ovvero niente, ma va bene lo stesso: sono belle quelle parole e questo basta. Il nostro chef arriva in soggiorno con piglio orgoglioso e ci serve un’antologica playlist degli Almamegretta di fine fattura. Un’ora e mezza tra Napoli, Giamaica, Londra, Barcellona e Tunisi: CLICCATE QUI per lasciarvi trascinare tra ballate suadenti ipnotici dub e sezioni ritmiche profonde. La nostra Sanremo è bastardissima! Chicca finale…

Vi è piaciuto il nostro piatto napoletano? Volete navigare altri cieli e oceani? Il jukebox eclettico di Mr Pian Piano con tutti i musicisti e le musiciste del nostro intrigante menù è come ogni domenica a vostra completa disposizione. Imboccate l’autostrada in direzione della località “Piano Inclinato” e troverete tantissime note a vostra disposizione, con monografie e playlist in dono di decine e decine e decine di superbi musicisti. FATE CLICK QUI e l’archivio in ordine alfabetico vi si aprirà per magia. (Thanks a lot @lenuccia82 per il dono delle parole uscite dal cellulare di Mr Pian Piano, un bel regalo per noi di Piano Inclinato).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Latest posts by Mr Pian Piano (see all)

Pubblicato da Mr Pian Piano

king for a day, fool for a lifetime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.