L’Asia sulla bilancia – parte seconda

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Criticità e punti di forza tra presente e futuro del continente globale

Proseguiamo la panoramica iniziata nel post precedente su presente e futuro del continente asiatico, dicendo che, nell’insieme, i dati socio-demografici stanno lavorando contro gli Stati dell’Asia. In Giappone assistiamo a un inevitabile quanto preoccupante – ovviamente in termini economici! – invecchiamento della popolazione; quindi, come da noi, la conseguenza significa esorbitanti spese per troppe pensioni e assistenza sociale. E a parte Singapore, uno dei posti migliori al mondo dove vivere, l’Asia in generale ha una popolazione giovanile scarsamente istruita.

Per la Cina è così nei grandi numeri ma tanto si sta facendo a livello universitario. Mentre la politica di lungo corso del figlio unico, insieme al desiderio di molte famiglie di avere un maschio, addirittura abortendo in caso contrario, oltre a un calo demografico, ha fatto sì che la popolazione maschile sia molto più numerosa di quella femminile.

Inoltre, il flusso costante dalle campagne alle megalopoli – per altro ancora inquinatissime – prosegue rapidamente, con le malattie respiratorie – già oggi una delle principali cause di morte – che rappresentano ormai una piaga sociale; per non parlare anche qui dell’invecchiamento della popolazione, a differenza del Giappone, senza nessun paracadute sociale.

Se da un lato il Partito comunista cinese ha rappresentato una grande forza unificante del Paese, dall’altro lato è anche il primo motivo di mancanza di fiducia tra cittadino e Stato, oltre a essere un freno alle riforme politiche. E tutto ciò sul lungo periodo aumenta il rischio di disordini sociali.

In India abbiamo una problematica ancora peggiore: il trattamento riservato ancora oggi alle donne è vergognoso, non solo per la poca emancipazione ma per le ignobili violenze reiterate.
Tornando ai giapponesi, quando pensano al loro futuro, sono pessimisti quasi quanto gli italiani; questo perché ci accomuna la stessa diffidenza verso la classe politica. In Corea del Sud la situazione è uguale a causa dei troppi scandali interni. In Indonesia sono messi ancora peggio perché oltre alle diverse insurrezioni di un passato non lontano, le violenze dell’estremismo religioso sono sempre pronte a esplodere, in particolare nel Sulawesi Meridionale.

In Malesia, anch’essa afflitta da corruzione e lotte politiche, la popolazione cinese è sempre a rischio violenze. In Myanmar è la popolazione di etnia Rohingya a essere perseguitata. E Vietnam, Laos e Cambogia sono sotto il giogo di regimi autoritari. La Thailandia è scossa da violenze nel sud e da instabilità politica nella sua capitale. Vi basta? No, non ancora.

L’Asia, con il tentativo fallito qualche decennio fa della Southeast Asia Treaty Organization e con l’Asean – dieci nazioni dell’Asia sudorientale – che per sua natura non ha particolari poteri vincolanti, è un continente senza organizzazioni unificanti, come possono essere (in realtà sempre meno anch’esse) NATO e UE.

Poi ci sono veri e propri venti di guerra per questioni di sovranità territoriale. Nel Mar Cinese su scogli e terre più o meno artificiali tra Cina, Giappone e Filippine. Le isole Curili sono contese da Giappone e Russia fin dalla Seconda guerra mondiale. Infine vi è la disputa sulle Rocce di Liancourt (o Dokdo-Takeshima), un piccolo gruppo di isolotti nel Mar del Giappone, ancora tra i nipponici – che alla fine se c’è da far casino ci sono sempre – e Corea del Sud.

Per non parlare dell’incognita rappresentata dalla Corea del Nord, con le sue armi nucleari e i missili a lungo raggio.

Dalla Seconda guerra mondiale, gli USA hanno supervisionato sulla stabilità continentale, per un ruolo che dopo Obama, con Trump e successivi presidenti, molto probabilmente tenderà a essere sempre più defilato. Fatta questa disamina piena di criticità, in conclusione cosa vale la pena di dire sull’Asia?

Be’, per quanto mi riguarda parlano i fatti. Nel 2017 ho comprato casa a Bangkok. Perché? Perché, nonostante tutto, è un continente decisamente vivo. Perché, a differenza della nostra amata e decrepita Europa, è un concentrato di dinamiche vitali e, soprattutto, pieno di opportunità da cogliere.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Latest posts by Alberto Forchielli (see all)

Asia

Informazioni su Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Precedente Donald Trump: il doppio presidente Successivo 10 in strategia

Lascia un commento