Bond age: memento mori per i bond americani?

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Janet Yellen all’audizione al Congresso USA del 4 novembre su supervision and regulation si è presentata quasi in tenuta sadomaso.

CPv_IL6W8AE65rLSarebbe dovuta essere una testimonianza neutrale ed invece ha tirato fuori il rompighiaccio da bar ed ha iniziato a colpire:

IT COULD BE APPROPRIATE TO MOVE [RATES] IN DECEMBER

Queste dichiarazioni, rinforzando quelle del FOMC del 28 Ottobre, hanno aumentato le probabilità di un rialzo dei tassi a dicembre dal 30% al 60%. Questo aumento di probabilità ha causato delle perdite immediate sugli investimenti in bond USA: in una settimana un T-Note USA a 10 anni ha perso circa l’1.8%.

Durante la testimonianza, Janet Yellen si è però affrettata ad affermare che :

“DECEMBER WOULD BE `LIVE’ MEETING IF DATA SUPPORTS MOVE”

Il riferimento è evidente: parliamo del mercato del lavoro, ed oggi alle 14:30 saranno resi noti i dati di ottobre. Se le attese venissero confermate -consenso degli economisti è intorno a 180 mila addetti- allora i mercati obbligazionari, azionari e valutari potrebbero scontare un aumento di probabilità di rialzo, penalizzando il mercato obbligazionario USA poichè potrebbe rappresentare l’inizio di un trend.

Il rischio di breve è un disallineamento fra Federal Reserve e mercati finanziari: dalle dichiarazioni di alcuni esponenti della banca centrale USA sembra che una delusione del consenso (180k) non sia sufficiente a rimandare il rialzo, ma la sorpresa negativa deve essere significativa. Difatti un aumento di 100/150 mila addetti sarebbe sufficiente a confermare il rialzo di dicembre.payrolls range

La Fed in passato non ha mai alzato i tassi senza aver portato le probabilità del mercato ad almeno il 70%. Poichè i tempi sono stretti e i dati su cui basarsi sono pochi, il rischio sul bond USA è materiale. Infatti non solo non è completamente scontato il primo rialzo, ma le aspettative sono particolamente benevole riguardo al sentiero di rialzi successivi al primo. Il timing rimane incerto, soprattutto a causa dei dubbi sulla solidità del ciclo globale e assenza di significative spinte inflazionistiche, ma di sicuro è arrivato il momento di valutarne seriamente i rischi.

Pronti quindi al #Bondage?

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
liukzilla

liukzilla

Wealth/Asset manager. Ha sposato la causa dei bond ed è ossessionato dalle banche centrali.
liukzilla

Latest posts by liukzilla (see all)

Precedente Le svalutazioni impossibili degli (s)cambisti Successivo Il sogno della signora Elsa

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.