Congiuntura: altro che global recession

Tempo stimato di lettura: 1

Ancora conferme dai dati macroeconomici USA: oltre ai sussidi sulla disoccupazione stabilmente sotto 300mila ed il rimbalzo della produzione industriale di settembre, torna ad accelerare l’indicatore

omnicomprensivo dell’economia USA, sintesi mensile del PIL: il Chicago Fed National Activity Index (CFNAI).

14. Congiuntura

Valori al di sopra di 0.20 indicano un’economia che cresce oltre il potenziale; sotto -70 indicano recessione, disinflazione. L’ultima lettura a 0.47 (0.25 media a 3 mesi) se confermata, è coerente con tassi di crescita del PIL reale nell’area del 4.0%. Questa accelerazione della crescita dovrebbe portare ad una maggiore inflazione nell’orizzonte di previsione. La pazienza della Federal Reserve, per adesso confermata dalle dichiarazioni di un suo esponente (Evans alla BIS), potrebbe esaurirsi prima di quanto atteso dai mercati finanziari (gennaio 2016).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
liukzilla

liukzilla

Wealth/Asset manager. Ha sposato la causa dei bond ed è ossessionato dalle banche centrali.
liukzilla

Latest posts by liukzilla (see all)

Precedente A tutto vapore verso il TTIP Successivo Tutta colpa di Garibaldi

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.