Congiuntura: Padoan, l’Istat e la ripresa che non c’è

Tempo stimato di lettura: 1

Il 2015 inizia con un passo falso dell’economia italiana: l’indice di fiducia delle imprese manifatturiere PMI ha sorpreso in negativo, attestandosi sui livelli minimi degli ultimi 19 mesi. La divergenza con il PMI tedesco e quello europeo permane, confermando le difficoltà specifiche dell’economia italiana di superare le sabbie mobili della recessione.

01. Congiuntura

 

Non sono bastate le parole di incoraggiamento del Ministro dell’economia Padoan “il rallentamento dell’ economia italiana e’ finito”, conseguenza dell’indebolimento dell’Euro e del calo del prezzo del petrolio. L’Istat lo ha smentito quasi immediatamente, affermando che nel 2015 sarà quasi nullo l’effetto del calo dell’energia  sulla crescita del PIL.

Ormai credo che anche le pietre (e forse anche buona parte degli economisti italiani) abbiano capito che non basta indebolire il tasso di cambio (dentro e fuori un’area valutaria! ) o anche dimezzare il prezzo del petrolio per far riprendere l’economia italiana.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
liukzilla

liukzilla

Wealth/Asset manager. Ha sposato la causa dei bond ed è ossessionato dalle banche centrali.
liukzilla

Latest posts by liukzilla (see all)

Precedente Racconto semiserio sulle regole di trading Successivo Petrolio di gomito

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.