Streaming conferenza stampa BCE: Draghi mantiene fermi i tassi euro

Tempo stimato di lettura: 1

mario-draghi2

La confidenza nelle stime BCE, che vedono l’inflazione ripartire nel medio termine, la fanno da padrone e hanno portato la BCE a non toccare il livello dei tassi in Europa, nonostante stiamo sperimentando un prolungato periodo di bassa inflazione.
Principale imputato della discesa dell’inflazione è, per Draghi, la componente energetica e cibo il cui prezzo è in calo perché è debole la domanda, non perchè c’è un eccesso di offerta.
Ciò non toglie che La BCE prenderà iniziative, se necessario, visto che esiste il rischio di un ciclo economico più debole di quanto non ci si attenda, ad esempio a causa delle turbolenze dei mercati emergenti.
Una stoccata alle politiche nazionali di alcuni Paesi: “Alcune azioni attivate dalla BCE funzionano benissimo in taluni Paesi e non funzionano in altri. C’è da chiedersi come mai…“, ed una rassicurazione: “stiamo ottenendo e continueremo a cercare di ridurre la frammentazione delle condizioni finanziarie per i Paesi del sistema euro“.
Sul caso Cipro si ribadisce, per l’ennesima volta -siamo alla noia ormai- che “la posizione della BCE è ed era che i bail-in non debbano toccare i depositanti assicurati (al di sotto della soglia dei 100mila € ndr)”

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere.
Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi gestisce attivamente patrimoni finanziari

Latest posts by L'Alieno Gentile (see all)

Precedente E se la BCE aprisse i rubinetti? Successivo Il suq tedesco e i tranelli della Bundesbank

3 commenti su “Streaming conferenza stampa BCE: Draghi mantiene fermi i tassi euro

  1. In sintesi a qualcuno piace fredda, se non si vedrà deflazione giapponese con 60% del calo dei prezzi materie prime la BCE non si muoverà?

    Il medio termine dura 2 – 5 anni, ci facciamo cinque anni di deflazione e poi se ne riparla?

    Un altro po’ di deleveging che sarà mai. Cari indebitati tempi duri.

    “La ripresa è fragile, disomogenea. La situazione resta complessa” dillo a noi.

    Draghi non esclude stop a sterilizzazione acquisto bond, ma con calma, poiché Bundesbank contraria.

    Mentre Draghi parlava https://twitter.com/miquelroig/status/431430064514023424/photo/1

    Entusiasmante scenario.

    • @J599: la questione €-$ la vedrei con più respiro dell’andamento immediato di giornata.
      Abbiamo davanti mesi in cui la Fed andrà progressivamente ad essere meno espansiva di quanto lo sia oggi ed una BCE che sarà o altrettanto o più espansiva di oggi. Ci penserei due volte prima di rinunciare ai dollari in portafoglio.
      E poi non tutto sta nel tasso di cambio. Prendi Electrolux: fa il bilancio in corone svedesi, moneta contro cui l’€ si è svalutato di oltre il 20% negli ultimi 5 anni. Non mi pare che la “svalutazione” dell’€ contro la corona sia stata decisiva…

  2. Tutto lascia pensare che il dollaro possa prendere quota. Salvo ulteriori guerre valutarie, sul pacifico. L’Electrolux non è un buon esempio. Infatti, i re Wallenberg, non pensano di portare gli stabilimenti italiani in Svezia, ma in Polonia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.