Future Sound of London: elettronica

We began to look for spirituality, femininity, joy and positivism, all special elements found in other types of music we were not doing. I began to get turned off by sanitized electronic music that did not convey anything at all; [music] with no spiritual feeling to it

Gaz Cobain

Non impossibile creare parallelismi tra arti figurative e musica, anzi direi che è prassi consolidata ed indubbiamente i Future Sound of London sono pittura astratta e le rare e puntuali figurazioni che compaiono nella loro musica sono immerse in un magma sonoro liquido che rimanda alla gestualità di Pollock, ma anche alle geometrie di Kandinsky o alle dolcezze di Klee ed al mistero di Rothko. Indubbiamente una musica che dialoga con la spiritualità, sfugge alle forme, non si lascia riconoscere, ma contemplare, impossibile da canticchiare, ma ottima per un’immersione interiore.

FSOL escono indubbiamente dalla scena tecno, ma si gettano testardamente altrove, sviluppano un autentico pensiero laterale (termine oscenamente abusato) rispetto al mainstream della musica elettronica e con il secondo album “Lifeforms” assumono questo assetto astratto e di ricerca sonora attirando tra i loro suoni artisti (sonorizzano molte esposizioni), musicisti come Max Richter ed Elizabeth Frazer e aprendo orizzonti interessanti che sembrano guardare ai migliori Tangerine Dream e Popol Vuh, attualizzati in un habitat digitale. Il richiamo alla musica cosmica e psichedelica è costante nei FSOL, rimanda alle ricerche sonore di quegli anni ed apre all’idea della musica come tramite per qualcos’altro, per un viaggio interiore che è stata esperienza anche dei Beatles, George Harrison in testa. La musica è da millenni veicolo spirituale.

La spiritualità in un’epoca dove la spiritualità è in vertiginosa dissoluzione, ma chi sono questi due babbei? Gaz Cobain e Brian Dougans sono i nostri eroi, con il gusto dell’improvvisazione, la passione per l’oriente ed il suono, capaci di frullare la tecno con i sitar. Lifeforms naviga le acque tra scienza e religione si immerge in esperienze allucinogene e non si limita a una collezione di visioni alternativamente beate o terrificanti racchiuse in se stesse, ma è espediente per un più profondo discernimento della realtà, un’arma per perforare quell’ignoranza cosmica di cui la normalità è imbevuta. Detta altrimenti questi i due filibustieri cercano consapevolezza e rivelazione una volta abbandonati i giochini tecno finalizzati a far danzare i ravers di mezzo mondo. La tangente li porta ad essere illeggibili, astratti, rituali, sfuggenti, irrisolti.

Un’evasione mentre il pianeta è in fiamme e orbita in fragile equilibrio rischiando la terza guerra mondiale? No, un monito a guardare in se stessi, dove abita in origine il demone della violenza, mascherato dalla retorica delle colpe, colpa di tizio, colpa di caio, colpa del dio danaro, colpa della vicina con il vestito scollato e colpa dei padroni o dei leoni. Non guardate fuori dalla finestra, ma osservata a quel che accade dentro casa, lasciatevi prendere per mano da Mr Pian Piano ed immergetevi in un’India digitale, un abominio di tessiture sonore gettate sulla tela in un’esplosione di colori, un’elettronica fiorita, una meditazione elettronica, un viaggio in se stessi vertiginoso. My Kingdom…Vi avviso che ho scartato le portate sonore più scontate e conosciute dei FSOL, per dedicarmi ad una selezione misticheggiante e ricca di brani poco conosciuti e spezie particolari. CLICCATE QUI per scoprire un orizzonte sonoro lisergico, stratificato, barocco, meraviglioso anche dopo decenni.

Desiderate qualcosa di diverso dai Future Sound of London? Il jukebox di Mr Pian Piano con tutti i musicisti e le musiciste del nostro intrigante menù è come ogni domenica a vostra completa disposizione: classica, jazz, pop, rock e ambient sono lì ad aspettarvi. Non vi resta che calarvi in un nuovo viaggio e raggiungere a piedi il bar “Piano Inclinato” dove durante la settimana si parla d’economia, mentre al sabato ed alla domenica, letteratura, musica e scienza occupano il locale. Il padrone di casa Alieno Gentile sarà lieto di accogliervi. Se volete scoprire in dono altre monografie e playlist curate da Mr Pian Piano di decine e decine e decine (e decine) di superbi musicisti. FATE CLICK QUI e l’archivio in ordine alfabetico vi si aprirà per magia: buon ascolto!

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Latest posts by Mr Pian Piano (see all)

Pubblicato da Mr Pian Piano

king for a day, fool for a lifetime

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.