I tassi negativi e la concorrenza del materasso

Tempo stimato di lettura: 1

“Scusi, quanti interessi mi pagherebbe per concedermi un mutuo?”.

Nel mondo capovolto in cui stiamo imparando a vivere, potremmo trovarci a porre domande di questo genere. La situazione nasce dalle decisioni di diverse banche centrali di peso (Europea, svizzera e recentemente anche quella giapponese) di introdurre i tassi negativi. Questi tassi vengono applicati dalle banche centrali ai depositi delle banche commerciali, allo scopo di “incentivarle” a non detenere liquidità in eccesso, concedendo più credito alle imprese e ai loro clienti privati, per rivitalizzare l’economia e l’inflazione. Se depositare denaro presso la banca centrale diventa un costo, anziché produrre interessi, le banche saranno più propense a prestarlo all’economia reale, piuttosto che tenerlo fermo sui depositi. È su questa base che sono stati concepiti i tassi negativi.

È una dinamica che impatta in maniera diretta sulle banche, e di riflesso i grandi clienti, quelli che di depositare in banca, ­viste le somme,­ non possono fare a meno e possono concepire il costo del servizio di deposito della liquidità. Sui piccoli risparmiatori la “concorrenza del materasso” impedisce l’applicazione di costi per il deposito, nonostante si cerchi in molti modi di ridurre la circolazione dei contanti, rendendo improbabile che i tassi negativi possano essere applicati ai comuni conti correnti.

Continua su Pagina99
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere.
Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi gestisce attivamente patrimoni finanziari

Latest posts by L'Alieno Gentile (see all)

Precedente Cina in crisi: un problema per chi? Ce lo dice @Forchielli Successivo Ma che diavolo sta succedendo?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.