Crea sito

Imbuti per euro evasori

Da domani saranno in circolazione le nuove banconote da 10€. La sostituzione delle banconote della prima serie con questa nuova serie denominata “Europa” è iniziata l’anno scorso con l’introduzione della nuova banconota da 5€ e proseguirà via via con tutti i tagli.

Non mancano i commenti ironici della serie:

“meno male che escono le banconote nuove! Non so proprio come avevo fatto senza, fino ad oggi”

Soprattutto in seguito ai piccoli disagi che si riscontrano nel quotidiano: macchinette non aggiornate (in particolare in alcuni distributori di benzina) non riconoscono il nuovo formato, complicando piccole, consuete, operazioni.

Ma al di là di questi aspetti di “folklore” c’è una ragione importante per la quale vale la pena capire cosa stia accadendo: lo scopo, dichiarato, del cambio di banconota sta nell’introdurre nuovi sistemi di sicurezza che rendono più complicata la contraffazione. Tuttavia esiste anche un altro obiettivo: le nuove banconote sostituiscono le vecchie che, dopo un periodo di doppia circolazione, verranno messe fuori corso (potranno essere cambiate poi, come le vecchie monete nazionali, nelle sedi delle banche centrali dei singoli Stati dell’Unione). Questo significa che chi detiene grossi quantitativi di banconote in cassette di sicurezza, per esempio, si vede forzatamente costretto a versarle poco a poco nel (nei) conto(i) corrente(i), onde non trovarsi nell’imbarazzo di dover -ad un certo punto- presentarsi in Banca d’Italia con una inspiegabile pigna di vecchi pezzi da 500 da cambiare.

Date un’occhiata, insomma, con la dovuta calma e senza troppe ansie, alle tasche dei cappotti, alle pieghe dei materassi, a quel vecchio salvadanaio… meglio verificare oggi che mettere alla prova il pudore domani.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pubblicato da L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi gestisce attivamente patrimoni finanziari

3 Risposte a “Imbuti per euro evasori”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.