La leadership d’impresa di fronte alla complessità dell’Oriente

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

20131202-082727.jpg
Un manager deve liberarsi dalla maledizione corrente nei paesi industrializzati in grave crisi di crescita: nella crisi è bravo chi taglia, chi riduce i costi, chi ristruttura senza troppe perdite. Soprattutto nei paesi industrializzati la situazione impone la sciabola e non il fioretto, la riduzione delle perdite piuttosto che l’espansione delle attività. L’antagonista non è più solo reale come abbiamo appreso nei libri universitari: il sindacato oppositore, la burocrazia inefficiente, il governo incompetente. Nella situazione corrente i pericoli per un CEO sono immateriali: è più difficile attrezzarsi contro lo spread, la riduzione della spesa pubblica o il calo dei consumi? Ne deriva una situazione paradossale: nati per espandere l’azienda, per affiancare la proprietà, i manager oggi devono spesso gestire la ritirata strategica. Tra i loro compiti c’è spesso l’incarico di vendere, dismettere, delocalizzare.

Tuttavia anche dove si trasferiscono risorse – in Estremo Oriente – un CEO deve rivedere le sue convinzioni, abituarsi a un mondo meno schematizzato. Lì la congiuntura non è così devastante. Imparerà probabilmente che l’espressione “crisi globale” non si applica a tutti i paese e che chi rallenta in Asia lo deve soprattutto perché i paesi Ocse hanno ridotto le loro importazioni. Eppure esiste un’altra insidia con al quale convivere: la complessità dei fenomeni. La globalizzazione ha reso più difficili le analisi, più complicate le strategie da adottare. Le interpretazioni tradizionali non sono sufficienti a descrivere la realtà. Sono improduttive le vecchie contrapposizioni: beni di consumo vs beni strumentali, terzo mondo vs paesi ricchi, stati totalitari vs società democratiche, mercati in crescita e mercati attrattivi. È sufficiente l’esempio più eclatante: la Cina è un paese socialista o capitalista; agricolo o industrializzato, ricco o povero? Di conseguenza, cosa bisogna produrre o esportare? L’aumento della domanda sarà accompagnato da una crescita dei margini? Oppure la crescita più che proporzionale degli investimenti e dell’offerta renderà il settore industriale in sovra-capacità pur in presenza di forte crescita dei consumi? Il paese ha un reddito pro capite medio nella graduatoria mondiale, importa quasi esclusivamente materie prime e macchinari, però rappresenta il più grande mercato al mondo per i beni di lusso. È contemporaneamente il più grande inquinatore mondiale e il paese che spende di più in attrezzature eco-friendly per cercare di porre un argine ai disastri ambientali che ha provocato.

Queste contraddizioni aumentano la complessità, impongono ai CEO decisioni più meditate. La globalizzazione le ha estese a tutta l’Asia. L’India ha ⅓ della popolazione analfabeta, ma vanta i migliori talenti informatici; Singapore ha un basso costo del lavoro, ma è densa di milionari che che fanno scnizzare i valori immobiliari, la Tailandia ha un discreto apparato produttivo, ma è bloccata da un’interminabile crisi politica. In quali paesi deve investire un CEO; dove può strutturare un piano di marketing per le esportazioni; di quale nazionalità saranno gli ingegneri da assumere; come colloca le aziende che controlla nella value chain? Esistono altri dubbi altre tensioni. A Pechino l’aria è irrespirabile, molti manager stranieri lasciano la città o fanno partire le loro famiglie. L’omologazione della Cina agli standard internazionali di qualità della vita procede ancora lentamente. Esistono molte perplessità infine sulla sicurezza e la pace. L’Oceano è ancora Pacifico? La tensione sulle isole non si può spiegare soltanto con una rinnovata e contesa sovranità territoriale. Stanno ri-emergendo nazionalismi mai sopiti, ferite storiche che 60 anni di convivenza non hanno suturato. Colpisce l’animosità dei paesi contendenti, rispetto all’oggetto della disputa. Un CEO strutturato nella mente e esperto nella conduzione deve considerare tutti questi aspetti nello stesso tempo. È condannato alla complessità, anche se essa è partner di un’economia che cresce come in nessun altra parte del mondo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Latest posts by Alberto Forchielli (see all)

Precedente BCE: un altro spettacolo all'insegna della liquidità LTRO? Successivo Economia e finanza: una lotta fratricida

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.