Crea sito

Attività

  • liukzilla ha inviato un aggiornamento 5 anni fa

    @andrea-boda e agli amici di @pianoinclinato
    quando una famiglia ha un problema di debito, può fare 2 cose:
    1) tagliare i costi
    2) aumentare le entrate
    Per tagliare i costi si comincia dalle spese superflue, poi le voluttuarie per poi iniziare a dare una scala di priorità alle necessarie. Se concordo sulle prime, tagliare le spese necessarie (es. istruzione) possono ridurre la capacità di sopravvivenza nel lungo periodo, facendo entrare la famiglia in cronicità.
    Se ne deduce che è necessario concentrare l’attenzione sulla capacità di produrre più reddito. Quindi o si lavora di più (in più persone o più ore) o si lavora meglio (più produttività e quindi più stipendio). Nell’immediato la scelta è difficile da applicare perchè dipende da fattori a volte esterni. Ma è la scelta che modifica radicalmente l’equilibrio e il tenore di vita di una famiglia anche nella generazione a venire.

    Volete sapere a che punto è Renzi?
    1) non ha tagliato i costi, nemmeno quelli voluttuari ed ha rinunciato a seguire un principio di priorità della spesa (spending review)
    2) ha deciso di aumentare le spese nonostante il debito alto
    3) per culo i tassi sono scesi ed i risparmi NON li ha messi nel fondo di riduzione del debito stesso
    4) ogni riforma su un aumento della produttività o della inclusività del lavoro non è nemmeno nei suoi pensieri
    5) ogni riforma che aumenti l’attrattività estera del paese, aumentando gli investimenti è solo una scatola vuota.
    E Renzi mi piace pure (o almeno apprezzo l’idea di paese che ha in testa).
    Io rimango dell’idea che fallire sul proprio debito è solo garanzia di ulteriore accumulazione e nel frattempo distruggi la ricchezza esistenta (per quanto male allocata).
    Bisogna fare entrambe le cose, tirare la cinghia e aumentare le entrate future. Euro specchio per le allodole, la soluzione facile, il colpevole di comodo, come Lee Harvey Oswald.