MiniBOT, un mosaico horror

Tempo stimato di lettura: 4 minuti

minibot

La storia di cui bisogna parlare oggi è quella di un mosaico spaventoso. Ogni mosaico richiede l’allineamento di molte tessere, ma soltanto chi non vede il disegno generale può giudicare un’inezia l’allineamento di singole tessere.

Negli ultimi giorni, probabilmente corroborata dal successo elettorale alle europee, la Lega sembra aver fatto uno scatto nel progetto mai troppo nascosto di uscita dell’Italia dall’euro (o quantomeno di minaccia dell’uscita) attraverso un “piano B” che spesso sembra essere a tutti gli effetti un “piano A” che prevede una serie di mosse che finiscono per creare le condizioni per un irreversibile sentiero di uscita dal sistema monetario unico, visto da alcuni come una gabbia che non consente al paese di crescere.

Questa settimana un tassello cruciale per il mosaico di uscita dall’euro è stato posato (anche se il Ministero delle Finanze dice di non preoccuparsi), con l’aggravante di un voto unanime, la Camera ha approvato una mozione che recita:

Premesso che la legge di bilancio 2019 ha previsto un meccanismo di anticipazione di tesoreria per gli enti locali e le regioni, con il coinvolgimento di banche, intermediari finanziari, Cassa depositi e prestiti S.p.a. e le istituzioni finanziarie dell’Unione europea, volto proprio all’ulteriore smaltimento dei debiti maturati alla data del 31 dicembre 2018,
impegna il Governo:
a dare ulteriore seguito al processo di accelerazione del pagamento dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni, come evidenziato in premessa, anche valutando di assumere iniziative per l’ampliamento delle fattispecie ammesse alla compensazione tra crediti e debiti della pubblica amministrazione, oltre che la cartolarizzazione dei crediti fiscali, anche attraverso strumenti quali titoli di Stato di piccolo taglio, implementando l’applicazione di tutte le misure adottate nella legge di bilancio 2019, relative anche alle anticipazioni di tesoreria, per garantire il rispetto dei tempi di pagamento dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni ed uscire, così, dalla procedura d’infrazione che la Commissione europea ha avviato contro l’Italia sull’attuazione della direttiva sui ritardi di pagamento.

Si tratta, in sostanza, dell’autorizzazione a procedere all’emissione di “miniBOT”: di fatto banconote del Tesoro di piccolo taglio (in euro) sotto forma di titoli al portatore che sarebbero garantiti dalle entrate fiscali.

“BoT” è l’abbreviazione di un buono del tesoro italiano, e la piccola denominazione li rende mini. I BoT convenzionali sono titoli elettronici di libri contabili, ma i mini-BoT verrebbero stampati, secondo quanto riferito, utilizzando le presse dei biglietti della lotteria statale, e i progetti sarebbero già stati selezionati.

mini-bot-5euro_web

L’articolo 106 del trattato di Lisbona sancisce chiaramente che l’unico soggetto autorizzato ad emettere valuta nell’eurozona è la BCE ed il governo si affanna, ufficialmente, a dire che i mini-BOT non sono una moneta parallela.

Sul sito che ha pubblicato i dettagli del “piano B” si legge però ben altro:

L’accettazione sarà su base volontaria, ma la diffusione ne determinerà il successo o meno: infatti se i buoni fossero immediatamente impiegati per il pagamento delle imposte la loro circolazione sarebbe minima, mentre se attivassero un circuito di pagamento parallelo, come nella speranza del governo potrebbero essere di forte stimolo all’economia.[…] se avesse successo come circolazione, di aumentare la massa monetaria M1 italiana, e sottolineiamo italiana, di diversi punti percentuali, e quella esclusivamente legata all’economia reale, non a quella finanziaria come è accaduto per il QE. L’aumento non sarebbe rilevato in termini “Legali”, in quanto manca in corso forzoso (cioè l’obbligo legale di accettare il buono in pagamento ndr), ma nell’uso, elemento che comunque è cioè che interessa per gli effetti economici e di governo (aumento dell’inflazione ndr)

concentrerei un secondo l’attenzione sulla sibillina frase “se avessero successo come circolazione”, perché se le emissioni in miniBOT non potranno avere corso forzoso allora la loro valutazione come asset sarà quella riconosciuta dal mercato.

Ma quale mercato? Così come sono, i miniBOT avrebbero una circolazione molto modesta e solo domestica, il rischio è che passino di mano a prezzi ben più bassi del valore nominale, per renderli più “liquidi” occorrerebbe che he avessero “successo come circolazione”, cioé che fossero ben più diffusi.

E qui viene in mente una dichiarazione rilasciata di recente dal Ministro dell’Interno e vicepremier Matteo Salvini:

Non possiamo escludere, a questo punto, che il governo stia pensando di trasformare parte dei saldi di conti correnti privati in miniBOT a pari importo *nominale* (per poter asserire di non aver fatto alcuna “patrimoniale”, che è un provvedimento a costo politico molto elevato) cercando, con la più ampia diffusione possibile, di rendere “liquido” il miniBOT riducendo al massimo la possibilità che si svaluti rispetto al nominale e generando quindi una mossa descrivibile (populisticamente) come “a impatto zero”.

Quanto al voto unanime della mozione, un voto che renderà più complicato anche per il Quirinale opporsi ai prossimi passi del governo, il deputato di Più Europa Alessandro Fusacchia ha detto:

“sui miniBOT mi spiace e mi scuso per il voto alla mozione. Mi è sfuggito il punto inserito nel passaggio tra la prima versione e quella finale (poi votata all’unanimità) e fatta circolare solo poco prima del voto. Nel merito sono chiaramente contrario.”

Mentre la deputata PD Lia Quartapelle sembra non pienamente consapevole del problema, confidando nella non realizzabilità dei progetti leghisti:

C’è problema di pagamenti PA e abbiamo votato testo unitario per dare un segnale d’urgenza su questo. Nel testo la maggioranza ha forzato riferimento ai mini-bond (“attraverso la verifica della possibilità di realizzare iniziative”). La possibilità però non c’è visti i trattati

voto a favore perché tanto non riusciranno a farlo” non sembra la strategia più sagace per opporsi all’azione scellerata del governo.

.

Per uscire dalla procedura di infrazione sui ritardi nei pagamenti della PA, ci accingiamo ad entrare in un’altra, ben più grave, che ci espone all’espulsione dalla moneta unica per violazione dei trattati, e verosimilmente con la convinzione di alcuni di poterla fronteggiare a cuor leggero perché “tanto” avremo già in mano lo strumento per affrontare l’inevitabile senza restare a tasche vuote: il prodigioso miniBOT.

Dal momento che i miniBoT non sono da considerarsi formalmente valuta, i trasferimenti da conto a conto o da mano a mano non sarebbero soggetti al limite legale di 3000 euro sui pagamenti in contanti in Italia.

Sorvolando sul fatto che il limite dei 3000 euro per le transazioni in valuta nasce dalla volontà di contrastare l’economia sommersa (e quindi predisporre uno strumento per aggirarla significa favorire il sommerso), possiamo già immaginare i volti tronfi dei proponenti che vedono uno strumento di piccolo taglio utilizzabile anche per transazioni molto rotonde.

Il paragone più prossimo coi miniBOT sono i “Patacon” emessi da Buenos Aires per pagare i suoi impegni nel 2001-02, non andò a finire benissimo… una volta che chi dipende dal consenso dispone liberamente dello strumento monetario, la possibilità di abusarne diventa irresistibile.

Abbiamo un governo che ritiene che il rispetto delle regole europee abbia portato alla stagnazione e alla disoccupazione giovanile. Ci sarebbe da discutere a riguardo, visti i dati ed i risultati che gli altri paesi che condividono con noi l’euro stanno ottenendo. Ma chiaramente, l’assunzione di un paradigma inverso, per cui allora è la violazione delle regole a generare soluzioni, sfiora il ridicolo.

L’emissione di una moneta parallela, dietro il paravento dell’assenza di corso forzoso, non risolve alcuno dei problemi del paese, semplicemente lo getta in una più profonda area di incertezza, che comprime ulteriormente il valore di ogni attività nazionale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere.
Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi gestisce attivamente patrimoni finanziari

Latest posts by L'Alieno Gentile (see all)

Precedente Preavviso atti giudiziari (procedura d'infrazione) Successivo Notizie di cronaca nera

6 commenti su “MiniBOT, un mosaico horror

  1. mario il said:

    Non riesco a comprendere dove stia il problema.
    La Cassa Depositi e prestiti da 100MLN€ al tesoro e quest’ultimo stampa minibot che sono titoli di stato al portatore che possono essere utilizzati come pagamento per contanti come le 500 lire di carta negli anni 70.
    Non vedo quale orrore ci possa essere a fare un operazione del genere , proviamo a guardare la relativa CDP tedesca ( mi sembra KWF ) e sbandierare dove sta orrore.

    • Caro Mario, se stiamo pensando di mettere in circolo strumenti di pagamento contante (ovvero moneta) significa che progettiamo di violare i trattati europei. Se invece stiamo parlando di titoli di debito di piccolo taglio, credo che stiamo solo menando il can per l’aia.
      A cosa mai servirebbero, dal punto di vista pratico, reale?
      1. nessuno paga le tasse con strumenti al portatore, e la sfido a far addebitare un F24 sul dossier titoli
      2. trattandosi di titoli hanno un valore determinato dall’incontro tra domanda e offerta. I miniBOT utilizzabili in svariate situazioni non potranno mai valere quanto normali euro, utilizzabile in OGNI situazione, in altre parole avranno un valore deprezzato
      3. Se lei ha emesso una fattura verso la PA e pensa che i miniBOT risolvano un problema significa che necessita di monetizzare un incasso (cioé prende i miniBOT per venderli), ma se vuole monetizzare può benissimo scontare la fattura in banca. Se invece prende i miniBOT per “incassarli” alla scadenza fiscale, allora ci stiamo prendendo in giro: i tempi medi di pagamento della PA sono oggi di 55 giorni, le converrebbe aspettare l’incasso della fattura, oltre ad avere i problemi indicati nel punto (1)

  2. Manuel Casara il said:

    Sono d’accordo che dare la stampante monetaria al governo sia rischioso, ma allo stato attuale delle cose, probabilmente è il male minore.
    Inoltre non mi pare che il testo di legge sia già stato pubblicato, quindi mi sembra siano tutte ipotesi per ora.

  3. luigiza il said:

    C’è di peggio, molto peggio
    Ecco di cosa in realtà hanno decretato i ‘sovranisti’ italici.
    Leggete questo articolo: Nel Decreto Crescita D.L. 30 aprile 2019 n. 34 c’è nascosta una titanica, gigantesca, gargantuesca presa per il culo e sesquipedale stronzata

    Un estratto enfasi mia:
    Quindi i soggetti a cui spetta tale detrazione (per opere edilizie – nota mia) ricevono il contributo direttamente anticipato dal fornitore che ha effettuato la fornitura (posa e manodopera) e quest’ultimo ha la possibilità di recuperare il contributo erogato mediante un credito d’imposta (per la stessa somma del suddetto contributo) da utilizzare in compensazione dei propri debiti d’imposta in 5 quote annuali di pari importo senza l’applicazione dei limiti di compensabilità.

    Ora collegate quanto legiferato con quanto pensato, ma non ancora al momento dichiarato apertamente, relativamente alla introduzione dei mini-BOT la cui adozione da parte del pubblico, a parole dicono sarà libera ma nei fatti (legge) impongono.

    Questi sovranisti di me’ nona non hanno neppure il coraggio delle loro scellerate azioni ma mettono parte della popolazione contro l’altra.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.