Il mito della Libertà

Tempo stimato di lettura: 10 minuti

mito libertà

Questo articolo è una traduzione. La versione originale di questo articolo, a firma di Yuval Noah Harari proviene da “the Guardian

Gli studiosi dovrebbero servire la verità, anche a costo dell’armonia sociale? Dovrei svelare l’inconsistenza di una narrazione anche se quella narrazione sostiene l’ordine sociale? Nello scrivere il mio ultimo libro, 21 Lezioni per il 21 ° secolo, ho dovuto lottare con questo dilemma per quanto riguarda il liberalismo.

Da un lato, credo che la storia liberale sia imperfetta, che non dica la verità sull’umanità e che per sopravvivere e prosperare nel XXI secolo dobbiamo andare oltre. D’altra parte, al momento la storia liberale è ancora fondamentale per il funzionamento dell’ordine globale. Inoltre, il liberalismo è ora attaccato da fanatici religiosi e nazionalisti che credono in fantasie nostalgiche, che sono molto più pericolose e dannose.

Quindi dovrei parlare apertamente, rischiando che le mie parole possano essere prese fuori dal contesto e usate dai demagoghi e dagli autocrati per attaccare ulteriormente l’ordine liberale? O dovrei censurarmi? È un marchio dei regimi illiberali che rendono la libertà di parola più difficile anche al di fuori dei loro confini. A causa della diffusione di tali regimi, sta diventando sempre più pericoloso pensare in modo critico al futuro della nostra specie. Alla fine ho optato per andare oltre l’autocensura, grazie alla mia convinzione sia nella forza della democrazia liberale sia nella necessità di rinnovarla.

Il grande vantaggio del liberalismo rispetto ad altre ideologie è che è flessibile e non dogmatico. Può sostenere le critiche meglio di qualsiasi altro ordine sociale. In effetti, è l’unico ordine sociale che consente alle persone di mettere in discussione anche le proprie basi. Il liberalismo è già sopravvissuto a tre grandi crisi: la prima guerra mondiale, la sfida fascista negli anni ’30 e la sfida comunista negli anni ’50 -’70. Se pensate che il liberalismo sia nei guai ora, ricordate solo quanto la situazione fosse peggiore nel 1918, 1938 o 1968.

Nel 1968, le democrazie liberali sembravano essere una specie in via di estinzione, e persino all’interno dei loro confini furono scosse da rivolte, omicidi, attacchi terroristici e feroci battaglie ideologiche. Se ti fossi trovato in mezzo alle rivolte di Washington il giorno dopo che Martin Luther King fu assassinato, o a Parigi nel maggio 1968, o alla convention del partito democratico a Chicago nell’agosto del 1968, avresti potuto pensare che la fine fosse vicina.

Mentre Washington, Parigi e Chicago stavano scivolando nel caos, Mosca e Leningrado erano tranquille e il sistema sovietico sembrava destinato a durare per sempre. Eppure, 20 anni dopo, il sistema sovietico crollò. Gli scontri degli anni ’60 hanno rafforzato la democrazia liberale, mentre il clima soffocante nel blocco sovietico ha presagito la sua fine.

Quindi speriamo che il liberalismo possa reinventarsi ancora una volta.

Ma la sfida principale che deve affrontare oggi non viene dal fascismo o dal comunismo, e neppure dai demagoghi e dagli autocrati che si stanno diffondendo ovunque come rane dopo le piogge. Questa volta la sfida principale emerge dall’innovazione che esce dai laboratori.
Il liberalismo è fondato sulla fede nella libertà umana. A differenza dei ratti e delle scimmie, gli esseri umani dovrebbero avere il “libero arbitrio”. Questo è ciò che rende i sentimenti umani e le scelte umane l’ultima autorità morale e politica nel mondo. Il liberalismo ci dice che l’elettorato in aggregato sa cosa sia meglio, che il cliente ha sempre ragione e che ciascuno dovrebbe solo seguire il suo cuore e provvedere a sé.

Sfortunatamente, il “libero arbitrio” non è una realtà scientifica.

È un mito ereditato dalla teologia cristiana. I teologi svilupparono l’idea del “libero arbitrio” per spiegare perché Dio ha ragione nel punire i peccatori per le loro cattive scelte e ricompensare i santi per le loro buone scelte. Se le nostre scelte non fossero fatte liberamente, infatti, perché Dio dovrebbe punirci o premiarci per loro? Secondo i teologi, è ragionevole che Dio faccia così, perché le nostre scelte riflettono il libero arbitrio delle nostre anime eterne, che sono indipendenti da tutti i vincoli fisici e biologici.

Questo mito ha poco a che fare con ciò che la scienza ci insegna oggi sull’Homo Sapiens e altri animali. Gli umani hanno certamente una volontà, un arbitrio – ma non è davvero “libero”. Non puoi decidere quali desideri hai. Non decidi di essere introverso o estroverso, disinvolto o ansioso, gay o etero. Gli umani fanno le scelte – ma non sono mai scelte indipendenti. Ogni scelta dipende da molte condizioni biologiche, sociali e personali che non è possibile determinare da soli. Posso scegliere cosa mangiare, chi sposare e chi votare, ma queste scelte sono determinate in parte dai miei geni, dalla mia biochimica, dal mio genere, dalla mia famiglia, dalla mia cultura nazionale, ecc. E non ho scelto quale geni o famiglia avere.

Non è una teoria astratta. Puoi verificarlo tu stesso facilmente. Basta osservare il prossimo pensiero che si apre nella tua mente. Da dove proviene? Hai scelto liberamente di pensarlo? Ovviamente no. Se osservi con attenzione la tua mente, arrivi a capire che hai poco controllo su ciò che sta succedendo lì, e non stai scegliendo liberamente cosa pensare, cosa provare e cosa volere.

Anche se il “libero arbitrio” era solo un mito, nei secoli precedenti si è rivelato utile. Ha incoraggiato le persone a combattere contro l’Inquisizione, il diritto divino dei re, il KGB e il KKK. Il mito comportava anche alcuni costi. Nel 1776 o nel 1945 il danno nel credere che i tuoi sentimenti e le tue scelte fossero il prodotto di qualche “libero arbitrio”, piuttosto che il risultato della biochimica e della neurologia, era relativamente basso.

Ma ora credere nel “libero arbitrio” diventa improvvisamente e progressivamente più pericoloso. Se i governi e le società riescono a “hackerare” l’animale umano, le persone più facili da manipolare saranno infatti quelle che credono nel libero arbitrio.
Per riuscire a “hackerare” gli umani, hai bisogno di due cose:

  • una buona conoscenza della biologia
  • molta potenza di calcolo.

L’Inquisizione e il KGB non possedevano questa conoscenza e questo potere. Ma presto, aziende e governi potrebbero averli entrambi e, una volta che ti possono “hackerare”, non solo possono prevedere le tue scelte, ma anche reingegnerizzare i tuoi sentimenti. Per fare ciò, le corporazioni e i governi non avranno bisogno di conoscerti perfettamente. Questo è impossibile. Dovranno solo conoscerti un po’ meglio di quanto tu conosca te stesso. E questo non è impossibile, perché molte persone non si conoscono molto bene.

Se credi nella tradizionale storia liberale, sarai tentato semplicemente di respingere questa sfida.

“No, non succederà mai. Nessuno riuscirà mai a hackerare lo spirito umano, perché c’è qualcosa che va ben oltre i geni, i neuroni e gli algoritmi. Nessuno potrebbe prevedere e manipolare con successo le mie scelte, perché le mie scelte riflettono il mio libero arbitrio.”

Sfortunatamente, respingere la sfida non lo farà andare via. Ti renderà solo più vulnerabile ad essa.

Iniziamo con cose semplici

Mentre navighi su Internet, un titolo attira l’attenzione: “La banda di immigrati violenta le donne del posto”. E fai clic su di esso. Nello stesso preciso istante, anche la tua vicina sta navigando su Internet, e un titolo diverso attira la sua attenzione: “Trump prepara un attacco nucleare all’Iran”. Anche lei fa clic. Entrambi i titoli sono “fake news”, generate forse da dei troll russi, o da un sito web che vuole solo gonfiare il traffico per aumentare le entrate pubblicitarie. Sia tu che la tua vicina sentite di aver cliccato su questi titoli per libero arbitrio. Ma in realtà siete stati “hackerato”.

Propaganda e manipolazione non sono nulla di nuovo, ovviamente. Ma mentre in passato funzionavano come bombardamenti a tappeto, ora colpiscono come minuscole munizioni di precisione. Quando Hitler pronunciava un discorso alla radio, mirava al minimo comune denominatore, perché non poteva adattare il suo messaggio alle debolezze uniche dei singoli cervelli. Ora è diventato possibile fare esattamente questo. Un algoritmo può dire che hai già un pregiudizio verso gli immigrati, mentre la tua vicina non ama Trump, motivo per cui tu vedi un titolo mentre la tua vicina ne vede uno completamente diverso. Negli ultimi anni alcune delle persone più intelligenti del mondo hanno lavorato per “hackerare” il cervello umano per farti fare clic sugli annunci e venderti qualcosa. Ora questi metodi vengono utilizzati anche per vendere politici e ideologie.

E questo è solo l’inizio.

Al momento, gli hacker si affidano all’analisi di segnali e azioni nel mondo esterno: i prodotti che acquisti, i luoghi che visiti, le parole che cerchi online. Eppure nel giro di pochi anni i sensori biometrici potrebbero dare agli hacker l’accesso diretto al tuo mondo interiore, e potrebbero osservare cosa sta succedendo nel tuo cuore. Non il cuore metaforico amato dalle fantasie liberali, ma piuttosto la pompa muscolare che regola la pressione sanguigna e gran parte dell’attività cerebrale. Gli hacker potrebbero quindi correlare la frequenza cardiaca con i dati della carta di credito e la pressione sanguigna con la cronologia delle ricerche. Cosa avrebbero fatto l’Inquisizione e il KGB con i braccialetti biometrici per monitorare costantemente i tuoi stati d’animo e affetti? Restate sintonizzati.

Il liberalismo ha sviluppato un impressionante arsenale di argomenti e istituzioni per difendere le libertà individuali dagli attacchi esterni dei governi oppressivi e delle religioni bigotte, ma è impreparato a una situazione in cui la libertà individuale è sovvertita dall’interno e quando i concetti stessi di “libertà” e di “individuale” non hanno più molto senso. Per sopravvivere e prosperare nel XXI secolo, dobbiamo lasciare indietro la visione ingenua degli umani come individui liberi – un’opinione ereditata dalla teologia cristiana tanto quanto dall’illuminismo moderno – e fare i conti con ciò che gli umani sono realmente: animali hackerabili. Abbiamo bisogno di conoscerci meglio.

Certo, questo non è certo un consiglio nuovo. Sin dai tempi antichi, saggi e santi consigliavano ripetutamente alle persone “conosci te stesso”. Eppure ai tempi di Socrate, Buddha e Confucio, non avevi un rivale. Se dimenticavi di dedicarti a conoscerti, restavi una scatola nera per il resto dell’umanità. Al contrario, ora hai un rivale. Mentre leggi queste righe, i governi e le società si stanno sforzando di “hackerarti”. Se arrivano a conoscerti meglio di quanto tu conosca te stesso, allora possono venderti tutto ciò che vogliono – sia esso un prodotto o un politico.

È particolarmente importante conoscere i tuoi punti deboli. Sono gli strumenti principali di coloro che cercano di “hackerarti”. I computer vengono compromessi da linee di codice difettose preesistenti. Allo stesso modo gli umani vengono violati grazie a paure, odi, pregiudizi, voglie preesistenti. Gli hacker non possono creare paura o odio dal nulla. Ma quando scoprono ciò che la gente già teme e odia, è facile spingere i pulsanti emotivi rilevanti e provocare una rabbia ancora maggiore.

Se le persone non riescono a conoscere se stesse con i loro sforzi, forse la stessa tecnologia che usano gli hacker può essere capovolta e servire a proteggerci. Proprio come il tuo computer ha un programma antivirus che cerca malware, forse abbiamo bisogno di un antivirus per il cervello. La tua intelligenza artificiale di supporto imparerà per esperienza che hai una particolare debolezza – che si tratti di video di gatti divertenti o di quanto ti fa infuriare Trump – e li blocchi per tuo conto.

Ma tutto questo è davvero solo un problema secondario.

Se gli umani sono animali hackerabili e se le nostre scelte e opinioni non riflettono il nostro libero arbitrio, quale dovrebbe essere il punto della politica? Per 300 anni, gli ideali liberali hanno ispirato un progetto politico che mirava a dare a quanti più individui possibile la capacità di perseguire i loro sogni e soddisfare i loro desideri. Ora siamo più vicini che mai a realizzare questo obiettivo, ma siamo anche più vicini che mai a realizzare che tutto ciò è stato basato su un’illusione. Le stesse tecnologie che abbiamo inventato per aiutare le persone a perseguire i propri sogni rendono anche possibile riprogettare quei sogni.

Quindi, come posso fidarmi dei miei sogni?

Da un certo punto di vista, questa scoperta offre agli esseri umani un tipo completamente nuovo di libertà:

In precedenza, ci siamo identificati molto fortemente con i nostri desideri e abbiamo cercato la libertà di realizzarli. Ogni volta che un pensiero appare nella mente, ci affrettammo ad assecondarlo. Abbiamo trascorso le nostre vite trasportati da una furiosa montagna di pensieri, sentimenti e desideri, che credevamo erroneamente rappresentassero il nostro libero arbitrio.

Cosa succede se smettiamo di identificarci con questo ottovolante emotivo? Cosa succede quando osserviamo attentamente il prossimo pensiero che appare nella nostra mente e chiediamo:

“Da dove viene?”

Innanzitutto, rendersi conto che i nostri pensieri e desideri non riflettono il nostro libero arbitrio può aiutarci a diventare meno ossessivi nei loro confronti. Se vedo me stesso come un agente completamente libero, capace di scegliere i desideri in completa indipendenza dal mondo, creo una barriera tra me e tutte le altre entità. Non ho davvero bisogno di nessuna di quelle altre entità – sono indipendente. Simultaneamente concede enorme importanza a ogni mio capriccio – dopotutto, ho scelto questo particolare desiderio da tutti i possibili desideri nell’Universo.

Una volta che diamo tanta importanza ai nostri desideri, cerchiamo naturalmente di controllare e modellare il mondo intero su di loro. Conduciamo guerre, abbattiamo le foreste e squilibriamo l’intero ecosistema alla ricerca della realizzazione dei nostri capricci.

Ma se comprendiamo che i nostri desideri non sono il risultato di una scelta libera, saremmo sperabilmente meno preoccupati della loro realizzazione, e ci sentirebbero forse più collegati al resto del mondo.

A volte le persone immaginano che se rinunciamo alla nostra fede nel “libero arbitrio“, diventeremo completamente apatici, e finiremmo per rannicchiarci in un angolo morendo di fame.

In realtà, rinunciare a questa illusione può avere due effetti opposti:

  • può crearti un legame molto più forte con il resto del mondo e renderti più attento all’ambiente, ai bisogni e ai desideri degli altri. È come quando hai una conversazione con qualcuno. Se ti concentri su ciò che vuoi dire, difficilmente ascolti veramente. Aspetti solo l’opportunità di comunicare all’altra persona un pezzo dei tuoi pensieri. Ma quando metti da parte i tuoi pensieri, improvvisamente riesci a sentire le altre persone.
  • rinunciare al mito del libero arbitrio può suscitare una profonda curiosità. Se ti identifichi fortemente con i pensieri e i desideri che emergono nella tua mente, credi di conoscerti. Pensi di sapere esattamente chi sei. Ma una volta capito “Questo non sono io. Questo è solo un mutevole fenomeno biochimico!” Ti rendi anche conto di non avere idea di chi – o cosa – tu sia effettivamente. Questo può essere l’inizio del più eccitante viaggio di scoperta che qualsiasi umano possa intraprendere.

Non c’è nulla di nuovo nel dubitare del libero arbitrio o nell’esplorare la vera natura dell’umanità.

L’Umanità ne ha già discusso migliaia di volte. Ma finora non abbiamo mai avuto la tecnologia che abbiamo oggi. E la tecnologia cambia tutto. Gli antichi problemi filosofici stanno ora diventando problemi pratici di ingegneria e politica. E mentre i filosofi sono persone molto pazienti – possono discutere di qualcosa in modo inconcludente per 3.000 anni – gli ingegneri sono molto meno pazienti. I politici, poi, sono i meno pazienti di tutti.

Come funziona la democrazia liberale in un’era in cui i governi e le corporazioni possono “hackerare” gli umani? Cosa rimane delle convinzioni secondo cui “l’elettorato in aggregato sa cosa sia meglio” e “il cliente ha sempre ragione”? Come vivi quando ti rendi conto che sei un animale “hackerabile”, che il tuo cuore potrebbe essere una spia governativa, che la tua amigdala (la ghiandola del cervello che regola la paura, ndr) potrebbe funzionare per Putin, e che il prossimo pensiero che emerge nella tua mente potrebbe essere il risultato di qualche algoritmo che ti conosce meglio di quanto tu conosca te stesso? Queste sono le domande più interessanti che l’umanità ora affronta.

Sfortunatamente, queste non sono le domande che la maggior parte degli umani si pone. Invece di esplorare ciò che ci attende oltre l’illusione del “libero arbitrio”, le persone di tutto il mondo si stanno ritirando alla ricerca di un riparo con illusioni ancora più antiche. Invece di affrontare la sfida dell’Intelligenza Artificiale e della bioingegneria, molti si rivolgono a fantasie religiose o nazionaliste che sono ancora meno in contatto con le realtà scientifiche del nostro tempo rispetto al liberalismo. Invece di nuovi modelli politici, vengono messi a disposizione gli avanzi riconfezionati del 20° secolo o anche del medioevo.

Quando cerchi di impegnarti con queste fantasie nostalgiche, ti ritrovi a discutere della veridicità della Bibbia e la santità della tua nazione (specialmente se ti capita, come capita a me, di vivere in un posto come Israele). Come studioso, questa è una delusione. Litigare sulla Bibbia andava bene all’epoca di Voltaire, e discutere dei meriti del nazionalismo era una filosofia d’avanguardia un secolo fa – ma nel 2018 è una terribile perdita di tempo.

L’intelligenza artificiale e la bioingegneria stanno per cambiare il corso dell’evoluzione stessa, e abbiamo solo pochi decenni per capire cosa fare con loro. Non so da dove verranno le risposte, ma sicuramente non provengono da una raccolta di storie scritte migliaia di anni fa.

.

Quindi che si fa?

Dobbiamo combattere su due fronti contemporaneamente. Dobbiamo difendere la democrazia liberale, non solo perché si è dimostrata una forma di governo più benevola di qualsiasi altra sua alternativa, ma anche perché pone il minor numero di limitazioni nel dibattito sul futuro dell’umanità. Allo stesso tempo, dobbiamo mettere in discussione le ipotesi tradizionali del liberalismo e sviluppare un nuovo progetto politico che sia più in linea con le realtà scientifiche e le potenze tecnologiche del XXI secolo.

La mitologia greca racconta che Zeus e Poseidone, due dei maggiori tra i più potenti, gareggiarono per la mano della dea Teti. Ma quando sentirono la profezia che Teti avrebbe avuto un figlio più potente del padre, entrambi si ritirarono allarmati. Gli dei pianificano di restare per sempre, non vogliono che una prole più potente competa con loro. Così Teti sposò un mortale, il re Peleo, e diede alla luce Achille. I mortali amano che i loro figli possano eclissarli.

Questo mito potrebbe insegnarci qualcosa di importante.

Gli autocrati che pianificano di governare perpetuamente non amano incoraggiare la nascita di idee che potrebbero sostituirli. Ma le democrazie liberali consentono ed ispirano la creazione di nuove visioni, anche al prezzo di mettere in discussione le proprie basi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
piano_inclinato

piano_inclinato

Account gestito a cura dello Staff
piano_inclinato

Latest posts by piano_inclinato (see all)

Precedente Viaggi intergalattici: qual è il tuo parere? Successivo Viaggi intergalattici: in uno spazio curvilineo.

3 commenti su “Il mito della Libertà

  1. Alberto il said:

    Un concentrato di banalità colossali (ma conoscendo minimamente il personaggio non stupisce).
    Insomma c’è un mondo di cattivoni che usa la tecnica contro il “bene” ma per fortuna che esistono i liberali i quali, pur non avendo una nozione concreta di “bene” ma solo astrazioni, useranno tecniche emancipatorie vere per dare una possibilità all’animale “uomo”.

    • Yuval Harari è uno storico e antropologo di discreta fama (c’è il link alla pagina Wikipedia dedicata, nell’articolo).
      I suoi libri più famosi sono “Sapiens – breve storia dell’umanità” , “Homo Deus” e da pochi giorni è disponibile il nuovo “21 lezioni per il 21° Secolo”.
      E’ uno dei pensatori più stimati del pianeta, in questo momento

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.