Pian Piano all’idrogeno (un ritorno infiammabile)

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Buongiorno a tutti i lettori e le lettrici di piano inclinato e della rubrica domenicale pian piano di musica e altre porcherie assortite. Torniamo dopo una lunga pausa estiva (siamo pigri) per raccontarvi un nuovo format in cui siete chiamati a dare il vostro magnanimo contributo. La nuova edizione prevede come combustibile l’idrogeno e come molti di voi sapranno l’idrogeno a contatto con l’atmosfera genera fuoco e fiamme. Prepariamoci al peggio e ad ustioni sonore serissime.

Come sarà il nuovo format? Ogni settimana, partendo dalla domenica precedente prepareremo un sondaggio fatto di tre opzioni sul canale twitter del sottoscritto: @Marani_E e nello spazio commenti di Pian Piano.

Sarà vostro compito rispondere e determinare un mood da cui nascerà il pezzo della domenica successiva. Sarete proprio voi l’idrogeno di Pian Piano in futuro, ed a voi spetterà l’arduo compito di gettare benzina sul fuoco e dare alle fiamme emozioni, musiche, calzini vecchi, dispiaceri, desideri o la potatura del giardino. Questa domenica tre aperitivi, uno per ogni emozione/mood, assaggiate Signori e Signore e Signorine e fate il vostro gioco, scegliendo una ed una sola opzione fra le tre.

Allora partiamo? Prima opzione:

a) Voglio navigare fra suoni di robot e ascoltare microchip fischiettare melodie.

La seconda opzione da sviluppare la prossima settimana ha un sapore completamente diverso:

b) Voglio immergermi nella capacità di un artista di elaborare il lutto attraverso la musica.

Terza e ultima scelta per voi idrogenati di Piano Inclinato:

c) Voglio gioire e danzare, spargere fiori, togliermi le scarpe e ballare a piedi nudi.

Avete assaggiato gli aperitivi? Quale preferite? Bene, sarò il vostro juke box emozionale

Però attenzione, attenzione: senza idrogeno niente juke box, quindi datevi da fare e che la forza sia con voi, fuoco e fiamme per tutti. Ci sentiamo nei commenti e su twitter per dar forma al pezzo della prossima domenica.
Giovedì prossimo il fatidico: les jeux sont faits, rien ne va plus e procederemo.
Le urne sono aperte, anche su Twitter: https://twitter.com/Marani_E/status/777475579054546944 votate e fatemi sapere quale cena desiderate la prossima settimana.

Visto il maltempo vi regalo una poesia bagnata.

Piove

Piove, e se piovesse per sempre
sarebbe questa tua carezza lunga
che si ferma sul petto, le tempie;
eccoci, luccicante sorella,
nel cerchio del tempo buono, nell’ora
indovinata
stiamo noi, due sguardi versati in un corpo,
uno stare senza dimora
che ci fa intangibili, sottili come un sentiero
di matita
da me a te né dopo né dove, amore,
nello scorrere
quando mi dici guardami bene, guarda:
l’albero è capovolto, la radice è nell’aria.

Pierluigi Cappello

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
Precedente Il dono inutile Successivo La Cina e gli hub di innovazione

2 commenti su “Pian Piano all’idrogeno (un ritorno infiammabile)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.