Sole, Mare e Medici nel Sud-Est-Asiatico

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Non è solo il reddito a causare la qualità della vita; non è solo la produzione a spingere la crescita di un paese. La mia esperienza nel sud-est asiatico ha imposto valutazioni diverse, non opposte ma complementari. L’intero settore medico – ospedalizzazione, trattamento, interventi – è cresciuto n maniera spettacolare, provocando reddito, occupazione e soddisfazione dei pazienti. A Singapore sono uscito da una fastidiosa patologia che mi tormentava da anni. Dopo anni di ricerche e di visite specialistiche inutili a e costose, a Singapore hanno trovato l’origine del mio problema, l’hanno curato velocemente e ora sono estraneo ai disturbi.

I medici sono stati molto competenti, le infermiere gentili, l’ospedale pulito, i macchinari modernissimi, L’organizzazione è stata perfetta: non ci sono state lunghe attese o degenze inutili per analisi già conosciute. È prevalsa la razionalità: il tempo è una risorsa, ogni lungaggine costa. Non ha nessun senso – né economico, né sociale – tenere i pazienti in corsia. I costi per loro o per la collettività sono immani.

Basta vedere il budget della sanità italiana, anche senza voler analizzare la qualità del servizio. Si potrebbe obiettare: Singapore è un’eccezione. È troppo ricca, piccola, controllabile per essere un paragone. Le sue eccellenze, è innegabile, sono il frutto di circostanze uniche e probabilmente irripetibili. Anche la Tailandia, per rimanere nel sud est asiatico, offre soluzioni ancora più convenienti, Gli ospedali e i medici  – che hanno spesso studiato in America o in Europa – sono validi ma i prezzi sono decisamente più bassi rispetto alla città-stato.

È dunque molto alto il numero dei medical tourist. Se a Singapore sono stati 600.000 nel 2014, la Tailandia ne ha accolti  più del doppio, cioè 1.400.000. È tipico il caso di chi si reca a Bangkok, si cura i denti, effettua un elettrocardiogramma, spende in shopping e conclude con una settimana al mare a Phuket.  È un modo di arricchire e diversificare il turismo, che da solo contribuisce al 10% del Pil tailandese, con 25.000.000 di arrivi all’anno. Ne rappresenta la componente più delicata perché sottoposta a variabili incontrollate. La situazione politica rimane incerta, dopo l’ennesimo colpo di stato. Gli investitori internazionali, vitali per rilanciare l’economia manifatturiera, sono ancora timidi per la saga della famiglia Thaksin. I militari garantiscono il controllo ma non lo sviluppo, Il paese ondeggia tra il tradizionale schieramento filo statunitense e la tentazione di cedere alle lusinghe della Cina.

L’economia si muove lentamente e il turismo rimane un asset da salvaguardare. Arrivano charter aziendali con pazienti delle classi medie europee, poveri dai villaggi asiatici, nascenti borghesie dal Medio Oriente. Portano con sé speranze e carte di credito. Un Omanita di 75 anni, in arrivo per curarsi, ha ironicamente avuto bisogno di terapia. È stato il primo caso in Tailandia di Mers, la sindrome respiratoria del Middle East.  La nuova epidemia respiratoria sta diffondendo paure e vittime in Asia (soprattutto in Corea del Sud), ma in Tailandia non ha creato alcun allarme. Il paziente è stato isolato e curato, non c’è stato nessun panico tra la popolazione. I turisti continuano ad atterrare perché il paese, pur nelle sue difficoltà contingenti, sa che può crescere se offre e mantiene sicurezza, bellezza ed efficienza. Tutto a bassi costi.

L’immagine in testata è © pcruciatti / Shutterstock.com

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Latest posts by Alberto Forchielli (see all)

Asia

Informazioni su Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Precedente Un modello di equilibrio economico generale Successivo Tsipras all'Europarlamento: Diretta streaming

Lascia un commento