Speciale #Draghi conferenza stampa 07 settembre 2017

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Draghi

Un nutrito gruppo di parenti e amici aspetta ansioso fuori dalla sala visite, in attesa del verdetto del medico. Sono anni che la terapia viene corretta nel dosaggio e nel mix di farmaci, e la speranza dei parenti più ansiosi è quella di sentir dire dal dottore che il paziente può iniziare a ridurre i dosaggi e che presto o tardi tornerà a correre sulle proprie gambe.
Nel frattempo, nascosti dietro una porta a vetri con l’orecchio teso, i venditori di farmaci sperano che il dottore decida di prolungare ancora un po’ la terapia.
Delle condizioni oggettive del paziente, dopo tanto tempo, non ci si cura quasi più, o quantomeno si presta attenzione relativa agli indicatori. Cè molta più attezione alle parole del medico, a sue eventuali alzate di sopracciglia, un labbro morsicato, un accenno di tic con il collo… alla ricerca del non detto.

Il malato della metafora è l’economia europea, il dottore è Mario Draghi e coloro che lucrano sui farmaci sono i mercati finanziari. Nonostante diversi indicatori segnalino il miglioramento del paziente (lo stesso Draghi ha rivisto ancora al rialzo le aspettative di PIL per i paesi dlel’eurozona), inflazione e disoccupazione presentano ancora numeri insoddisfacenti.

Inoltre la recente forza dell’euro sui mercati valutari (+14% da inizio anno contro il dollaro) inizia a preoccupare la BCE, che teme una valuta così forte possa ostacolare la ripresa economica oltre che contrastare il ritorno di un livello di inflazione più vicino al target del 2%.

Nessuna modifica quindi alle condizioni monetarie correnti in Europa, il consiglio direttivo della BCE rinvia alla prossime riunione a fine ottobre la discussione sulla eventuale riduzione delle politiche espansive. Condizionato palesemente dalla forza della moneta unica, Draghi si è lasciato scappare che sebbene la crescita economica ci sia, sarà l’euro a dettare i tempi per la rimozione del piano di sostegno monetario (Quantitative Easing). I mercati finanziari, che del QE non vorrebbero fare a meno, sono corsi subito a comprare euro, portandolo a oltre 1,20 contro il dollaro. Draghi si accorge in diretta di quello che sta accadendo e si tradisce con un gesto di palese disappunto.

Aspettiamoci la correzione di questo raro errore di comunicazione da parte di Draghi nelle prossime 48-72 ore. Alla prima occasione utile. Oltretutto le parole di Draghi hanno provocato una discesa dei rendimenti obbligazionari, il che dovrebbe aiutare a riconsiderare il livello del cambio euro/dollaro confrontando i tassi di mercato.

L’acquisto di titoli legato al QE (ad oggi per 60 mld€ al mese) dovrebbe finire nel settembre 2018, riducendosi progressivamente. Dopodiché avremo la fase di rialzo graduale dei tassi, volto a far recuperare alla Banca Centrale il margine di manovra utile a gestire una futura possibile nuova crisi. Il QE vero e proprio, nel senso dell’espansione del bilancio BCE, durerà ancora per anni, perché i titoli non verranno venduti, ma semplicemente lasciati scadere senza rinnovo.

Nel frattempo il QE continua ad esercitare i suoi effetti:

  1. per le nazioni e le imprese più indebitate la spinta a rendimenti più bassi aiuta a contenere i costi del debito e facilita la ricerca di ulteriori capitali,
  2. mentre per gli investitori produce un ambiente pressocché infruttifero, spingendoli ad assumere maggiori rischi alla ricerca di un profitto.

I primi godono, gli altri tengono duro e sperano…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere.
Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi si occupa di Private Banking.

Latest posts by L'Alieno Gentile (see all)

Precedente Come si persegue la crescita? Successivo La sovranità elastica della Brexit

Lascia un commento