TSMC, chip e semiconduttori: geopolitica industriale

TSMC
La costruzione del primo impianto di chip avanzato di TSMC negli USA slitta di 6 mesi e scivola a marzo 2023, mentre l’azienda di Taiwan lotta con Intel per trovare personale qualificato; intanto la stessa TSMC investe in Giappone (in Joint Venture con Sony): la competizione globale per localizzare la produzione di chip si intensifica.
La Taiwan Semiconductor Manufacturing Company (TSMC) è il nodo centrale della supply chain dei semiconduttori: il 92% della produzione di semiconduttori all’avanguardia è a Taiwan, circa il 53% della produzione globale di chip.

E’ una pagina di geopolitica industriale.
USA e Cina lotteranno nei prossimi anni su Taiwan badando a 5 fattori chiave:

  • Opinione pubblica (sostegno a governo/leadership);
  • Livelli di tecnologia;
  • Salute finanziaria delle aziende nazionali;
  • Capacità produttiva di chip;
  • Domanda di chip;

I livelli di tecnologia, l’output rispetto alla domanda e la salute delle aziende riguardano l’industria globale dei semiconduttori, mentre l’opinione pubblico concerne stabilità e altri fattori interni. Ogni “mossa” avrà un impatto diverso su queste voci.

Se vogliamo capire come la Cina potrebbe plasmare l’industria dei semiconduttori e la competizione tecnologica strategica a suo favore, e studiare come USA e Taiwan potrebbero contrastare tali tentativi, vanno identificate le aree di rischio nell’industria dei semiconduttori e capire quali compromessi e diversi approcci strategici si potrebbero adottare. Le tattiche “grigie”, e le azioni tipicamente caratterizzate dall’ambiguità strategica, rendono la Cina un concorrente complesso.

In che direzione devono muoversi USA e UE?

La competizione strategica con Pechino richiede un maggiore dialogo intersettoriale e multilaterale, la cooperazione tra le principali tecno-democrazie del mondo.
Tutela della proprietà intellettuale, formazione e mantenimento di talenti, una R&S adeguatamente finanziata.

L’Occidente parte da un vantaggio competitivo nell’industria globale dei semiconduttori, ma la vita moderna dipende dalla resilienza della supply chain dei chip: dai trasporti alle comunicazioni, alle attrezzature mediche salvavita, niente funziona senza.

Un attacco informatico invalidante per Taiwan -ad esempio- avrebbe impatti devastanti sulla nostra vita quotidiana, ben oltre l’inconveniente dei porti pieni di container. Rilocalizzare TSMC in Arizona e Giappone è una mossa proattiva nella lotta per la leadership tecnologica.
Se queste cose ti appassionano o incuriosiscono, ma tecnicamente ne capisci poco, abbiamo proposto quasi un anno fa, qui su Piano Inclinato, un approfondimento a supporto di una delle puntate più dense di Economia Per Tutti:

“È nel momento più freddo dell’anno che il pino e il cipresso, ultimi a perdere le foglie, rivelano la loro tenacia.”

(Confucio)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Pubblicato da L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere. Contributor OCSE nel 2012, oggi è Global Strategist per l'asset management di una banca italiana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.