Crea sito

Tutto è irripetibile, tanto vale rifarlo

Di tutte le città in cui ho vissuto senza viverci, la più bella è stata Cagliari.

Karalis, la città che ti stava venendo incontro quando non sapevi che ci stavi andando. Karalé, la città bianca che ami o detesti e che ti allappa di luce.  sun.

photocredit himmelseng

Non ci ho vissuto mentre ero lì, è vero, ma posso dire che ho iniziato a viverci ben prima di trasferirmi. Perché Cagliari è arrivata persino a tenermi in vita salvandomi in suo nome, aprendomi all’idea di andare a starci con la famiglia.

 Erano anni in cui avvertivo un profondo bisogno di spazio, di scompaginare i giorni incolori che mi dettavano. Due colori esistono al mondo, il secondo è Cagliari.

Alternative take

Il punto non è che Karalis sia bella o brutta. Come tutte le città ha un miliardo di motivi per respingerti e altrettanti per farti sentire a casa. Il popolo sardo è generoso fino al deliquio, ma in fondo non ha un problema al mondo a dirti che tu, o Straniero, sardo non sei né mai lo sarai giacché non hai sangue sardo in corpo.

Se ci pensi, non esistono buone ragioni per andare a vivere in un’altra città. Certo, si può essere costretti, la vita fornisce spunti a bizzeffe, ma allora più che una buona ragione diventa una necessità. Di buoni e validi motivi non ce n’è. L’ho scoperto nei due anni precedenti al trasferimento: nessuno capiva perché lo desiderassi al punto da metterlo in atto, nemmeno io. Un mio amico fraterno era preoccupatissimo e se n’è andato prima di scoprire che alla fine, per tutt’altri motivi, non mi ci sarei fermato. Col tempo ho accettato la lezione: le cose che senti dentro, le cose importanti che avverti di voler fare si fanno e basta. Si fanno senza capirle. Per capire c’è tempo. L’aggiornamento di un sistema operativo ci metti una notte a tirarlo giù, cambiare città è uguale.

Mi capita tutti gli anni di tornarci, a Cagliari. Non mi sono fermato a viverci ma non sono nemmeno tornato indietro. Io non sono più lo stesso, Cagliari non ha mai smesso di essere una città che cambia.

Tutto è irripetibile, tanto vale rifarlo.

Se vi capita di andarci adesso (a me è successo) scoprirete il bastione di Saint Remy è chiuso ma i balconi sono fioriti e ci suonano pure

Cercate di non innamorarvi di Rossella Faa, tanto adesso i balconi li addobbano e c’è il rischio che possiate invaghirvi ancora.
Nel frattempo un po’ come ovunque le librerie chiudono, ma a Cagliari si è capito che tutto  gira intorno al libro e quasi tutto sta nel bypassare i distributori. Il segreto è sempre lo stesso: evitate di guardare il mondo nello specchietto retrovisore.

bonus track

(immagine in evidenza di Carta-Pischedda)

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Latest posts by Filippo Pretolani (see all)

Pubblicato da Filippo Pretolani

Non tutto quello che esiste implicitamente ha bisogno di essere reso esplicito — Peter Sloterdijk. Fondatore di Gallizio editore e co-fondatore dell’Istituto Kaspar Hauser per gli Studi Economici.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.