Basta ipocrisie, segreto di Stato sulle (presunte) tangenti Eni

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Nel film “Codice d’onore” il tenente Daniel Kaffee (Tom Cruise) affronta in un tribunale militare il colonnello Nathan R. Jessep (Jack Nicholson) facendogli confessare di aver dato l’ordine ad alcuni marines di picchiare il soldato Santiago, successivamente morto, per punirlo del suo scarso impegno. L’avvocato Kaffee riesce a far trionfare la giustizia facendo condannare il colpevole Jessep, capo della base militare di Guantanamo, ma l’arringa che Nicholson pronuncia con incredibile potenza alla fine del film svela l’ipocrisia dell’intero processo. Se il suo compito è quello di difendere la nazione allora “la morte di Santiago, nella sua tragicità, probabilmente ha salvato delle vite” perché, in un conflitto a fuoco, la sua negligenza avrebbe potuto provocare la morte di altri compagni. E poi aggiunge: “Non ho nessuna voglia di venire qui a spiegare me stesso a un uomo che passa la sua vita sotto la coperta di quella libertà che io gli fornisco e poi contesta il modo in cui gliela fornisco”. E’un’accusa impietosa a chi gode dei beni dei quali gli sembra assolutamente normale godere e poi non solo fa finta di non sapere con quali metodi qualcuno glieli mette a disposizione ma, addirittura, condanna chi glieli mette a disposizione.

E’ la stessa ipocrisia di chi fa finta di credere che la benzina che riempie il serbatoio del proprio Suv sia arrivata fin lì grazie ad raffinati negoziati tra i manager dell’Eni e i rappresentanti dei Paesi produttori i quali, insieme ad altri eleganti invitati, sono usi ad interrompere le discussioni d’affari per l’impellente necessità di ascoltare la serenata in re maggiore di Brahms disquisendo dell’attualità del Tractatus di Ludwig Wittgenstein.

Ci si indigna quando viene alla luce che i manager dell’Eni hanno pagato (presunte) tangenti in Nigeria ma pretendiamo di avere tutto il petrolio di cui abbiamo bisogno. Siccome siamo moralisti lo vorremmo avere tangenti-free ma, se proprio non si può, accettiamo, coin un po’ di disgusto, anche quello per il quale sono state pagate (presunte) mazzette a patto che non si dica, non si scriva, non si sappia. E quando si viene a sapere, scatta in automatico la pelosa indignazione di ipocriti pasciuti con il serbatoio sempre pieno.

Ma l’ipocrisia, insieme al politically correct, sono malattie tipiche dell’occidente evoluto, talmente evoluto che si è staccato dalla dura realtà e ha iniziato a vagare nell’aere degli ideali irraggiungibili. Cioè delle utopie. Se (e sottolineo il “se”) i manager dell’Eni hanno pagato tangenti per ottenere una concessione per il campo di esplorazione petrolifera nigeriano denominato “Opl 245” perché altre società petrolifere del mondo erano pronte a farlo per vincere quella stessa concessione, hanno fatto bene a pagare. E indignarsi è ipocrita. Così come è ipocrita uno Stato che non difende le persone che ha chiamato a guidare un’azienda pubblica dell’importanza strategica dell’Eni lasciandole nelle condizioni di dover decidere da sole se perseguire gli scopi che proprio il governo gli ha assegnato, cioè rifornire il Paese dell’energia di cui ha bisogno per far marciare le imprese, oppure difendere la propria libertà personale.

Matteo Renzi ha assunto una posizione coraggiosa confermando la propria fiducia nell’amministratore delegato Claudio Descalzi, l’indagato principale dell’inchiesta in corso a Milano, ma non basta.Sulla vicenda serve mettere il segreto di Stato perché la fornitura di energia è una parte fondamentale di quella che si intende per “sicurezza nazionale”. Se non si vuole correre il rischio che ogni contratto stipulato con Paesi che non sono esattamente la culla del diritto, come la Nigeria, finisca per essere reso nullo dalle inchieste, va anche modificata la legge 231 sulla responsabilità amministrativa delle imprese in modo che, in casi come questi, l’azienda sotto accusa possa pagare una multa parametrata al vantaggio economico ottenuto. E’ il modello adottato in Germania dove, per di più, la magistratura è controllata e indirizzata nelle sue inchieste dal potere politico e dove le imprese pagano mazzette all’estero con una frequenza e una nonchalance sconosciuta addirittura a noi italiani.

Ho proposto questo articolo anche su Panorama
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Marco Cobianchi

Giornalista economico di Panorama. Ho scritto American Dream, Bluff, Mani Bucate, inchiesta sulle imprese mantenute dai sussidi, e Nati Corrotti. Ho condotto NUM3R1 su Rai2.

Latest posts by Marco Cobianchi (see all)

Precedente Il triangolo impossibile Successivo Mifid 2: come possono cambiare i servizi di investimento

2 commenti su “Basta ipocrisie, segreto di Stato sulle (presunte) tangenti Eni

  1. luigiduca il said:

    Sono d’accordo a patto che contemporaneamente si persegua politicamente l’obiettivo di passare tutto il passabile alle rinnovabili (che già oggi contribuiscono, complice la crisi, per quasi il 50% dei consumi elettrici italiani), chiedendo all’ENI di passare dal greenwashing al green power (non solo inteso come brand). Se abbiamo deciso che i rigassificatori, le prospezioni per idrocarburi etc. sono per decreto tra le opere di interesse nazionale, allora lo devono essere anche i campi eolici offshore, la riconversione delle centrali a carbone, l’autoproduzione e stoccaggio, le smart grid etc. in modo da togliere i dirigenti ENI dall’imbarazzo di dover pagare tangenti. En passant ricordiamo che la procura della repubblica suggerisce l’ardita e fantasiosa ipotesi, maligna e calunniosa, che parte delle tangenti siano finite in tasca ai dirigenti ENI stessi, probabilmente per tacitare la coscienza… Su questo io non sarei d’accordo a mettere il segreto di stato, mentre farei una seria campagna di sputtanamento verso l’industria mazzettara tedesca, tanto per fare un po’ di luce…
    Ciao 🙂

  2. Oh mamma!
    Cosa è successo?
    Di solito questo blog non ospita post così poco “politically correct” e così poco “buonisti”.
    Come mai?
    Bene, è un inizio.
    Voglio vedere quando si arriverà ad attaccare il sistema globalista finanziario che è tutto, DICO TUTTO, una melma corrotta e poco trasparente, comprese le Banche centrali.
    Sarà comunque troppo tardi…

    Ma non sarà che questo post arriva adesso che i signorini delle City in giro per il mondo hanno paura di non riuscire a riempire più i serbatoi dei loro SUV?
    OH MIO DIO!!!! ORRORE!

    sinbad

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.