Caro ministro Saccomanni…

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

Lacrime

di Roberto Romano (CGIL Lombardia)

La Commissione Europea ha sottolineato che la legge di stabilità per il 2014 del Governo italiano non assicura le regole del Patto di Stabilità e Crescita. Il Ministero del Tesoro si è affrettato a rassicurare la Commissione, in particolare sulla riduzione del rapporto debito-PIL. Probabilmente un atto dovuto e un’autodifesa necessaria della legge di stabilità che comincia a mostrare tutta la sua debolezza. Di particolare rilievo è la sottolineatura del Ministero del Tesoro relativa alla crescita del PIL: tale valutazione discende da una stima di crescita del prodotto che, come è noto, non coincide con quella del Governo italiano e, prestate attenzione al passaggio, comporta implicazioni per le proiezioni di finanza pubblica.

Quindi, la differente stima di crescita del PIL, cioè la capacità di produrre beni e servizi, è la base di rifermento del quadro generale della finanza pubblica. Un aspetto noto a tutti gli economisti, ma da anni dimenticato proprio da chi governa il Paese. Ma le politiche adottate per la crescita economica delineate dal governo sono riconducibili a due misure, fin troppo propagandate. La prima si riferisce ai 50 mld € destinati al pagamento dei debiti commerciali delle pubbliche amministrazioni tra il 2013 e il 2014. Se da un lato sono giustamente pagati i debiti della pubblica amministrazione relativi a beni e servizi acquistati da privati, che sono reddito per queste ultime, non bisogna mai dimenticare che la retrocessione di questi debiti fanno capo a beni e servizi già prodotti; quindi non aumentano il PIL. Attribuire a questa misura un aumento della domanda di pari valore, con relative entrate tributarie, è un esercizio molto prossimo alla magia di Merlino. Insisto: queste risorse pagano beni e servizi già realizzati. Tecnicamente non possono produrre maggiore reddito.

La seconda misura propagandata è relativa alla crescita degli investimenti della pubblica amministrazione. Dopo anni di contrazione della stessa è un buon segnale, ma rimane un rimbalzo tecnico, cioè se non venivano stanziate queste risorse si correva il serio rischio di pagare delle penali. Ma non è l’aspetto dirimente. Infatti, quasi tutti gli investimenti inseriti nella legge di stabilità producono al massimo rendita. Nessuno degli investimenti indicati attiene alla produzione di beni e servizi aggiuntivi. Il governo potrebbe anche sostenere che sono stati incrementati gli incentivi agli investimenti privati, ma come ci ricorda Keynes….non potete aspettarvi dei nuovi piani di investimento da parte delle imprese in momenti di contrazione della domanda e delle aspettative. Alla fine queste risorse potrebbero persino trasformarsi in elusione fiscale o risparmio pubblico.

La difesa del Ministro del Tesoro è centrata su: risparmi di spesa, privatizzazioni, riforma fiscale, rientro di capitali illecitamente detenuti all’estero.

Se prestate attenzione, osserverete che sono tutte entrate incerte in quanto non si fondano su presupposti d’imposta certi, ma su comportamenti “virtuosi” dei cittadini e delle imprese, così come sulla capacità del mercato di acquisire beni immobili e mobili pubblici per quasi 30 mld €. Forse la spending review potrebbe avere il segno del controllo della spesa pubblica, ma la base di riferimento è il costo standard. Utile per stabilizzare la spesa intorno a una media. Domanda: ma questa attività non dovrebbe essere normale per un Governo? Sorprende che sia necessario pagare un commissario per fare un lavoro che la pubblica amministrazione e il ministro dovrebbero fare ogni giorno. Se non la fanno, sarebbe meglio cambiare mestiere. In realtà la spending review sarebbe necessaria per controllare la formazione della spesa; dividerla tra spesa che produce reddito e spesa che produce rendita, avendo come riferimento “giuridico-contabile” il principio del progetto-programma a costo zero. Non solo sarebbe necessario controllare la formazione della spesa, ma servirebbe una attività faticosa di ricontrattazione di tutta la spesa pubblica verso i privati per progetti che, nel corso del tempo, hanno perso il valore simbolico ed economico. Una spesa notevole; c’è chi parla di quasi 100 mld di €, ma aggredibile se si ragiona con gli altri paesi coinvolti e con le stesse imprese.

Il Ministro Saccomanni sottolinea la solidità della finanza pubblica in ragione dei provvedimenti adottati. Sottolinea che la crescita del PIL è coerente con le misure adottate. Rimane il dubbio dell’enormità dell’avanzo primario. Un avanzo che potenzialmente riduce la domanda (PIL) trai 3-4 punti di PIL, al netto del demoltiplicatore, che non oso calcolare.

Se la legge di stabilità avesse fatto delle scelte per la crescita economica, pur nella limitatezza delle risorse, le parole di Saccomanni sarebbero amare, ma comprensibili. Ma la legge di stabilità non sceglie nessuna linea. Scusate: ha scelto di privilegiare la rendita al posto del reddito.

di Roberto Romano (CGIL Lombardia)
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

L'Alieno Gentile

Precedentemente conosciuto con il nickname Bimbo Alieno, L'Alieno Gentile è un operatore finanziario dal 1998; ha collaborato con diverse banche italiane ed estere.
Contributor OCSE nel 2012, ancora oggi gestisce attivamente patrimoni finanziari

Latest posts by L'Alieno Gentile (see all)

Precedente Amici cinesi, sono indignato Successivo Quelle strane operazioni Telecom e il tempismo sull’OPA

4 commenti su “Caro ministro Saccomanni…

  1. Saccomanni? Un sacco di malanni …

    Per mestiere e tradizione familiare appartengo al mondo manifatturiero, il mondo di chi opera nell’economia reale, fatta di persone che faticano per materializzare prodotti, merci che si scambiano perché realmente utili e gradite, la cui funzione non è quella di appagare indotte paure o inconfessabili avidità.

    Per decenni ho considerato CGIL un’organizzazione priva di senso del reale.

    Scoprirmi perfettamente d’accordo con l’analisi di un esponente CGIL mi imbarazza e costringe ad una riflessione. Qualcosa in Italia e in Occidente è profondamente mutato.

    Mi sono sempre considerato un liberale, un po’ conservatore. Negli ultimi decenni mi sono spesso sentito scavalcato a destra dalla sinistra nazionale (leggi PD). Non capivo, ero disorientato.

    Cosa è accaduto? Semplice. I produttori sono divenuti una maggioranza minoritaria, un ossimoro. Una figura retorica caduta in subordine politico, economico e sociale.

    Questa insulsa legge di stabilità è come il colore del tempo, un trend che da decenni privilegia la rendita al reddito, la finanza all’economia reale, il creditore al debitore.

  2. _beneathsurface il said:

    Anche io, come J599 mi sento disorientato nel trovarmi d’accordo con un delegato CGIL, ma tant’è… ma anche lui rappresenta una realtà che ha fatto della rendita la propria filosofia. Provate a toccarlo il regime retributivo dei loro pensionati oppure proporre contratti di solidarietà per investire su giovani neoassunti pur con una perdita per i vecchi iscritti…
    Non mi sorprende il parere della Commissione Europea sulla nostra legge di stabilità come scrivevo già 10 giorni prima http://beneathsurface.altervista.org/verita-liberi/ anche relativamente agli investimenti per la crescita da non conteggiare nel deficit http://beneathsurface.altervista.org/la-flessibilita-rigida-part-2/
    Anzi, mi sorprende e mi irrita la replica di Saccomanni , a cui sembra che Bruxelles ci abbia dato una promozione….
    Romano punta molto sul’incertezza del lato entrate/tagli di spesa per denunciare l’aleatorieta’ delle coperture, anche questo è argomento noto da tempo, ma tanto per nostra sfortuna massima interverranno le clausole di salvaguardia,.
    Quindi – in una situazione attuale in cui uno dei partiti di maggioranza si è scisso , la coalizione ha una maggioranza politica ma striminzita e dico io instabile – l’italia dovrebbe rivedere la legge di stabilità per partorire almeno mezzo punto di correzione?
    Sto ridendo….amaro ma ridendo.

    PS: sono nervoso in questo momento, ma dove e con chi vogliamo andare avanti in un paese in cui ancora un impiegato medio con una facoltà cognitiva adeguata e pure tempo e mezzi per reperire informazioni, ancora mi sostiene che votare Grillo per ristrutturare o “meglio ancora” rinnegare il debito pubblico è la soluzione migliore perché poi si riparte da zero?
    Do ragione a Anna Maya quando su giovaniTW scrive che questo paese è la pieno di ignoranza sul’economia.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.