Ce l’hai la polizza per i viaggi spaziali?

Tempo stimato di lettura: 3 minuti

viaggi spaziali

Piatto ricco mi ci ficco (in orbita)

Nei prossimi cinque anni verranno realizzati tanti lanci nello spazio quanti ne sono stati effettuati dal 1957 a oggi. L’uso civile e commerciale dei satelliti prevarrà rispetto a quello militare, ovvero ci sarà un mercato florido di programmi spaziali con finalità di profitto: un’attività industriale complessa con obiettivi di lungo periodo a cui si collegano rischi molto particolari.

“Un programma spaziale – spiega Giovanni Favero, direttore responsabile del bimestrale “Upside Risk” – consiste nella progettazione e realizzazione del satellite, del lanciatore per l’accesso allo spazio e dalle infrastrutture spaziali, e talvolta presuppone anche l’operatività dell’uomo nello spazio. Il finanziamento e la messa in opera di un programma spaziale è una delle più sofisticate attività a cui l’uomo possa ambire ed è influenzata da elementi tecnologici, storici e politici. E la gestione dei rischi dei programmi spaziali ha costituito dagli anni Sessanta a oggi il modello metodologico di riferimento per il risk management di tutti gli altri settori industriali con metodologie di gestione standardizzate e consolidate. Senza dimenticare temi di più largo respiro sociale ed economico come il problema ambientale che nello spazio arriva alla quarta dimensione, dopo le contaminazioni di suolo, acqua e aria”.

Sugli sviluppi che l’industria spaziale può portare all’umanità ne abbiamo già parlato negli FdS del passato e ora vale la pena di concentrarsi sul mercato dello “Space Insurance”, che a livello globale vale un miliardo di dollari per una sessantina di gruppi assicurativi che si occupano di assicurare o riassicurare i programmi spaziali.

Nello specifico, il “parco macchine” è ampio e articolato. Si va dal satellite artificiale (veicolo spaziale orbitante intorno alla Terra o ad altro corpo celeste) alla navicella spaziale senza equipaggio (veicolo spaziale di piccole dimensioni utilizzante, di norma, uno o più razzi per uscire dall’atmosfera terrestre), poi abbiamo: sonda spaziale; cargo spaziale (esempi: Progress, Automated Transfer Vehicle, H-II Transfer Vehicle); navicella con equipaggio; capsula spaziale (esempi: Mercury, Gemini, Apollo, Sojuz, Shenzhou); navetta spaziale (“spazioplano” orbitale che funge da traghetto tra la Terra e l’orbita terrestre – esempi: Space Shuttle, Buran); astronave (nave spaziale progettata per il volo interstellare – comune nella fantascienza, ma non è stata ancora realizzata anche se è oggetto di studio teorico da parte dei fisici); fino alla stazione spaziale.

Con riferimento ai rischi “property” e “liability” connessi a razzi, sonde, satelliti, tanto in fase di progettazione, realizzazione e lancio, quanto in fase di operatività in orbita.

Con l’ultimo dato ufficiale e consolidato di questo specifico mercato che risale al 2014: 680 milioni di dollari di premi complessivamente raccolti a livello mondiale, un sottoinsieme del più ampio mercato aerospaziale valutato in termini di raccolta complessiva nell’ordine di 6 miliardi di dollari.

“Che oggi – commenta Giovanni Favero – si può stimare tranquillamente a una raccolta complessiva arrivata oltre il miliardo di dollari, peraltro in forte crescita grazie al significativo aumento di lanci e operatività in orbita di CubeSat, piccoli satelliti costituiti da moduli prefabbricati che consentono, soprattutto ad aziende operanti nel settore della banda larga e dei media, di dotarsi di una propria tecnologia satellitare a basso costo. E si può ragionevolmente dire che entro cinque anni il traffico orbitale sarà almeno tre volte il traffico attuale, catalogabile in 17.830 oggetti tecnologici di cui solo un decimo attivi e di questi ultimi solo il 50% è assicurato”.

Oggi la capacità totale assicurativa e riassicurativa è pari a 750 milioni di dollari per singolo lancio e circa 550 milioni di dollari per singolo rischio in orbita. E al 2014 – ultimo anno rilevato – sappiamo che sono stati registrati sinistri per 634 milioni di dollari derivanti da 6 eventi di cui 5 in fase di lancio e uno in orbita.

Secondo la Satellite Industry Association il settore del risk management connesso allo sviluppo dell’industria spaziale, a livello globale, ha sviluppato un fatturato complessivo di 335 miliardi di dollari (dati 2015), un terzo del quale è generato da compagnie di telecomunicazione impegnate nello sviluppo della banda larga e dei media, con 1.381 satelliti operativi, riconducibili a operatori di 59 Paesi diversi (e dei 202 satelliti lanciati nel 2015, 108 erano CubeSat, mandati in orbita principalmente per piani di ricerca e osservazione della Terra).

In conclusione, non amate fare business nei mercati maturi? Eccovi accontentati: di fronte a voi c’è lo spazio infinito!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Latest posts by Alberto Forchielli (see all)

Precedente Rompere il vetro in caso di nuova crisi Successivo Un mondo su misura. Dalla compressa al pezzo di legno!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.