I barbari alle porte. Dove?

Tempo stimato di lettura: 2 minuti

Esiste una relazione – meno remota di quanto si immagini – tra Ferguson, Missouri e Qiemo, Xinjiang. La prima è una tipica cittadina del Midwest, la seconda una contea dell’estremo occidente cinese, abitata al 78% da Uiguri, la minoranza turcofona e mussulmana della Cina. Sulla carta, situazioni sociali, paesaggi, culture non potrebbero essere più diversi.

Due episodi hanno tuttavia reso possibile un’analisi delle contraddizioni che comunemente da esse emergono. I fatti di Ferguson, nell’area metropolitana di Saint Louis, sono noti. L’immotivata uccisione di un ragazzo nero da parte di un poliziotto bianco ha scatenato una serie di proteste dentro e fuori gli Stati Uniti. I paesi più antagonisti non hanno risparmiato le critiche al sistema, con le accuse di esclusione sociale, violenza diffusa, oppressione nei confronti delle minoranze.

La Cina è stata in prima fila nelle accuse, dove la parola “razzismo” si è squagliata nella più generale contrapposizione tra sistemi sociali. Nei media cinesi è stato etichettato come “una malattia radicata e cronica che continua a mantenere frantumata la società americana”. Queste posizioni non sono nuove. Vanno messe comunque in relazione con la notizia che arriva dalla remota località cinese al confine con il Pakistan e l’intrico di frontiere delle repubbliche centroasiatiche ex sovietiche. Le autorità locali hanno deciso di compensare con 10.000 renminbi annui (1.257 Euro) i nuovi matrimoni tra coppie interetniche, formate cioè da coniugi uiguri e cinesi. Il bonus durerà 5 anni, in un luogo dove il reddito individuale è di 7.400 renminbi annui. La spiegazione degli amministratori è semplice:

“La nostra considerazione principale è di stabilizzare il Xinjiang e promuovere l’integrazione culturale tra i differenti gruppi etnici”

La domanda di fondo è invece più complicata. Perché, a distanza di 65 anni, l’integrazione tra Cinesi e Uiguri ha bisogno ancora di incentivi monetari? E perché nessun matrimonio misto ha avuto luogo, nonostante i soldi promessi? Le risposte vanno ovviamente cercate in vari campi, compreso quello socio-antropologico.

L’espansione Cinese verso le marche di frontiera (Xinjiang, Tibet, Mongolia, Yunnan) ha avuto la caratteristica della conquista politica e dell’imposizione di un sistema cinese. Indipendentemente dai progressi materiali, che comunque sono stati rilevanti, il tratto comune è stata l’imposizione di una cultura, di uno stile di vita differente. Ancor oggi, tutte le minoranze protestano (in maniera drammatica a Urumqi e a Lhasa) per i tentativi disinvolti e brutali di assimilazione, come se la missione cinese sia quella di investire con la propria superiorità i popoli che non ne hanno tratto vantaggio. Tutte le proteste convergono in un unico timore: quello di essere minoranza a casa propria, di diventare vittime dell’espansione cinese e soprattutto della sua potenza inarrestabile. Gli stranieri occidentali in Cina subiscono un retaggio di diffidenza che – giusto o esagerato – non si giustifica con la lunga fase di convivenza e di “ascesa pacifica” che la Cina sottolinea. Gli occidentali non vivono certamente in pericolo, ma percepiscono differenza e diffidenza. Chi vive in Cina conosce bene le connotazioni dei non cinesi, anche da persone di cultura elevata.

Diavoli stranieri” e “scimmie” sono purtroppo epiteti ancora molto diffusi nel linguaggio comune. Ovviamente l’orgoglio nazionalista non può essere confuso con l’arroganza culturale e quest’ultima non si identifica con il razzismo. Sarebbe superficiale qualificare con questo aggettivo la Cina. Bisogna infatti essere prudenti e profondi nelle valutazioni. Gli Stati Uniti non sono esenti da gravi contraddizioni e problemi, ma una Cina moderna e in crescita dovrebbe privilegiare le analisi e lasciare le armi della propaganda, così poco meditate da potersi facilmente ritorcersi contro di lei.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Alberto Forchielli

Presidente dell’Osservatorio Asia, AD di Mandarin Capital Management S.A., membro dell’Advisory Committee del China Europe International Business School in Shangai, corrispondente per il Sole24Ore – Radiocor

Latest posts by Alberto Forchielli (see all)

Precedente Congiuntura: niente panico, please Successivo La meglio gioventù

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.