Anno 2370 a.T. (ante Trump)

La maestra a scuola ci ha detto: “dopo i Greci, niente è mai stato davvero nuovo“.

Credevamo volesse solo farci studiare storia, invece che giocare a pallone.

Poi però abbiamo trovato un vecchio libro, la Repubblica di Platone, che se abbiamo capito bene era un filosofo greco, allievo di Socrate e maestro di Aristotele, e abbiamo iniziato a notare alcune strane cose: mentre leggevamo, passavano in televisione delle immagini e improvvisamente tutto è apparso più chiaro: questo Platone era uno che vedeva lungo!

“La tirannide nasce dalla democrazia. […]  Quando una città democratica, assetata di libertà, viene ad essere retta da cattivi coppieri, si ubriaca di libertà pura oltre il dovuto e perseguita i suoi governanti, a meno che non siano del tutto remissivi e non concedano molta libertà, accusandoli di essere scellerati e oligarchici”.

xb3019db8b5ba421e1db03ca8750605fb-jpg-pagespeed-ic-qlk3dzkq2p

“E ricopre d’insulti coloro che si mostrano obbedienti alle autorità, trattandoli come uomini di nessun valore, contenti di essere schiavi,

default-game-over

mentre elogia e onora in privato e in pubblico i governanti che sono simili ai sudditi e i sudditi che sono simili ai governanti.

non-simbolo-web

La somma di tutti questi elementi messi insieme rammollisce l’anima dei cittadini a tal punto che, se si prospetta loro un minimo di sudditanza, si indignano e non lo sopportano. Finiscono per non curarsi neppure delle leggi, scritte e non scritte, affinché tra loro non ci sia assolutamente alcun padrone.

euflagburn

“Ed è quindi naturale che la tirannide si formi solo dalla democrazia, ossia che dall’estrema libertà si sviluppi la schiavitù più grave e più feroce.”

Ma cosa porta la democrazia a diventare tirannide?

“intendevo parlare di quella razza di uomini pigri e spendaccioni, i più coraggiosi in testa e i più vili al seguito”

113550697_farage_trump-large_transeo_i_u9apj8ruoebjoaht0k9u7hhrjvuo-zlengruma

“Ma il popolo non ha sempre l’abitudine di mettere alla sua testa un solo individuo, di cui alimenta e accresce il potere? E allora è evidente che quando nasce un tiranno, germoglia dalla radice di un capo e non da un’altra. E come inizia la trasformazione da capo a tiranno? Non è chiaro che ciò avviene quando il capo incomincia a comportarsi come nel mito che si racconta sul tempio di Zeus Liceo in Arcadia?”

“Quale mito?”

“Quello secondo il quale chi ha gustato viscere umane, tagliate e mescolate a quelle di altre vittime sacrificali, si trasforma inevitabilmente in lupo: allo stesso modo chi è stato messo a capo del popolo, se incontra una massa troppo obbediente, non si astiene dal sangue dei concittadini, ma con false accuse, come accade di solito, trascina l’avversario in tribunale

0e34cc620856ff2f9c8c056efe5bd38e005a3914

e si macchia di un delitto togliendo la vita a un uomo, e gustando con lingua e bocca impure sangue della sua razza manda in esilio, condanna a morte e proclama cancellazioni di debiti e divisioni di terre.”

schermata-2016-11-16-alle-22-49-35

“Nei primi giorni e in un primo tempo non rivolge forse sorrisi e saluti a tutti quelli che incontra? Non nega di essere un tiranno e non fa molte promesse in privato e in pubblico? Non condona i debiti, non distribuisce la terra al popolo e ai suoi accoliti e non finge di essere mite e affabile con tutti?”

provate a riguardare il primo discorso post elezioni, ora
provate a riguardare il primo discorso post elezioni, ora

“Ma quando, credo, si è liberato dei nemici esterni accordandosi con gli uni e annientando gli altri, e dal quel lato può stare tranquillo, comincia a suscitare guerre in continuazione, affinché il popolo abbia la necessità di un capo.

maxresdefault

E anche perché i cittadini, impoveritisi per i tributi che devono versare, siano costretti a vivere alla giornata e pensino meno a cospirare contro di lui”.

ap33032636435

“Torniamo a parlare di quella forza armata del tiranno, bella, numerosa, varia e mai uguale a se stessa, e vediamo da dove potrà mantenerla: è chiaro che se la città ha un tesoro sacro gli darà fondo, e finché il ricavato della vendita sarà sufficiente imporrà al popolo minori tributi”.

trump-tax-plan-928

Questo signore dalla faccia arancione, secondo noi, ha le idee poco chiare: vuole spendere soldi dalla cassa comune, e vuole ridurre le tasse (quindi avere meno soldi nella cassa comune). Ma non lo sa che qui in Italia i vecchi hanno fatto così e adesso siamo pieni di debito? O forse lo sa e se ne frega… Invece di far assomigliare l’Italia agli USA quando saremo grandi ci ritroveremo anche gli USA ridotti come l’Italia?

Noi, per la nostra età adulta, sogniamo altro

un mondo aperto e tollerante: chi ci assicura che qualche nostra caratteristica non ci faccia finire in una qualche minoranza da colpire? I bulli non ci piacciono a scuola, figuriamoci averli come presidente. A sentire quello che dicono alla tele, anche in Francia, in Austria, in Ungheria ed in altre nazioni crescono i Trumpini. Voi che siete adulti e potete fare qualcosa, fatelo ora. Non aspettate che diventiamo adulti noi, per favore. E se non avete letto Platone… beh, in certi passaggi è meglio di Topolino!

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Attenti a quei due

Siamo giovani, abbiamo 10 e 12 anni. Ci piacciono le macchine, i videogiochi e Star Wars. Ma ci piace leggere e farci domande, provando a dare qualche risposta

Latest posts by Attenti a quei due (see all)

Precedente Quando il futuro ha esaurito le promesse ciò che vince è la voglia di passato Successivo La Revenge Economics dell'Antipolitica

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.